Tomografia assiale computerizzata (TAC)

Che cos’è?
È un particolare esame effettuato con i raggi X. Serve per riprodurre un’immagine precisa delle parti interne del corpo. Le immagini riprodotte con la TAC sono molto più precise, definite e particolareggiate di quelle ottenute con i normali raggi X.
Nel caso della testa, la TAC riproduce il cervello, le ossa del teschio, le cavità nasali e oculari. I tessuti più spessi, come le ossa, appaiono bianchi nell’immagine. Mentre quelli meno spessi, come il cervello o i muscoli, risultano grigi.
È un esame assolutamente indolore. Però può risultare un po’ fastidioso, specie per chi non ama gli spazi stretti. La quantità di raggi X utilizzati è minima.
L’esame è eseguito da un radiologo. Il paziente è sdraiato di schiena su un tavolo. Il tavolo scivola automaticamente all’interno della macchina. La macchina emette i raggi e, attraverso un computer, riproduce le immagini. Per consentire di riprendere le diverse aree della testa, la macchina compie diversi movimenti. Le immagini riprese sono generalmente fra le dieci e le trenta. L’esame dura generalmente mezz’ora…

È un particolare esame effettuato con i raggi X. Serve per riprodurre un’immagine precisa delle parti interne del corpo. Le immagini riprodotte con la TAC sono molto più precise, definite e particolareggiate di quelle ottenute con i normali raggi X. Nel caso della testa, la TAC riproduce il cervello, le ossa del teschio, le cavità nasali e oculari. I tessuti più spessi, come le ossa, appaiono bianchi nell’immagine. Mentre quelli meno spessi, come il cervello o i muscoli, risultano grigi. È un esame assolutamente indolore. Però può risultare un po’ fastidioso, specie per chi non ama gli spazi stretti. La quantità di raggi X utilizzati è minima.

S P E R I A M O

Published by