Superstizione?No, grazie!

Ne sono schiavo, non riesco a smettere, so che è una immensa cagata, ma, nonostante tutto continuo a caderci: sono superstizioso. Ogni volta che mi succede qualcosa, subito cerco dei legami con quello che mi circonda. Proprio l’altro giorno ho messo a nuovo la mia camera da letto, ho rivoluzionato tutto a colpa di un quadro. Allora, sono 8 anni che abito in questa casa e la prima cosa che ho portato è il quadro che AVEVO in camera. La fleche de Zenon di Magritte. Ora, visto che questo è per me un periodo di merda (tanto per usare un francesismo), è scattata in me la molla del dubbio.

"Non è che tutte le cose opprimenti, e non da ultimo i calcoli renali, sono legate a questo quadro?" o meglio "non è che c’è un legame tra l’enorme sasso che ho sul letto e il grosso sasso che mi hanno trovato con la tac venerdì?"

Presto fatto, il quadro è stato destinato al corridoio e al suo posto è apparsa una tenda IKEA con tanti bei cavalli colorati. Patetico eh?

E questa è solo l’ultima, nella mia personale lista delle cose che mi fanno provare un brivido (e subito dopo toccare le palle) tra le tante cito:

IL CANE "BILLO" – E’ il cane della Mariarosa, un pomeriggio in negozio ci ha detto "Billo è un cane buonissimo, non abbaia mai. Lo ha fatto solo due volte. La prima quando abbiamo trovato morto il vicino di casa, e la seconda quando è venuto il terremoto" no comment.

QUANDO TI PROPINANO CERTE FRASI: "con tutti quei capelli non diventerai mai pelato", "è un salumiere bravissimo, non si è mai tagliato", "vai tranquillo, a quest’ora chi vuoi che ci sia in autostrada", "….è stato bruttissimo, spero che a te non succeda mai", "sono sicuro/a che stasera incontrerai una persona speciale" : - (

I RAGNI: mi fanno schifo, ma non tolgo ragnatele e non li uccido.

Published by