Abbiamo un punto fermo adesso!

E’ finita ragazzi, tutte le mie ansie si sono sciolte ieri alle 21.00, Raffaella è tornata! Me-ra-vi-glio-sa! Più bionica che mai ha saputo destreggiarsi benissimo in quello che è il suo indiscusso regno, le sorprese. E che sorprese! Ha trovato lavoro ad un novello cuoco nell’albergo più esclusivo al mondo, ha fatto avere la copertina di un giornale alla casalinga di Voghera sciolta come un’ascia da stirare, ha fatto entrare nell’inter giovani un ragazzotto tutto pimpante, ha fatto cantare e ballare una capra in un musical (quasi un miracolo eh?)… ma il momento più commovente, è stato regalato alla signora che ha avuto la possibilità di fare la vita della riccona. Prelevata in elicottero, Jet privato, champagne, albergo di lusso, beauty farm, cena in camera… quando alla mattina si è presentata la Raffaella e gli ha detto "ho qualcosa per te", mi sono detto – oddio, non è che adesso gli presenta il conto? 🙂 – E invece, gli lascia la carta di credito gold, tutta bella farcita dai soldi degli abbonati rai. E così, la paffuttella signora si è fatta un giro per la capitale, accompagnata pure dalla guardia del corpo, e via a scelgliersi vestiti, gioielli, balocchi e profumi. Ma si sa, ogni cosa ha il suo rovescio… e proprio quando la signora stava per avere un multiorgasmo da shopping senza limiti, le viene detto che qualcuno la stava aspettando… e chissarà mai? si chiedeva la poverella… Vuoi vedere che mi hanno organizzato una cena con Gere? Proprio come alla Pretty Woman… e invece, manco un aitante carramba boys. La signora si è ritrovata tra i piedi il marito! Lei, già immersa in mondo dorato si è vista correre incontro un’animale, un pò burino, che la bacia in un modo a dir poco volgare… che delusione malcelata. Ed ecco che il sogno inizia a sciolgliersi come neve al sole. Dopo tutto quel divertimento si è ritrovata sola al tavolo con il marito, e come colpo di grazia gli hanno anche mandato i figli, altro che Richard Gere! Che cosa pensava in quei momenti? Sorseggiando un meraviglioso champagne e indossando abiti e gioielli da sogno, guardava fissa quell’uomo che l’avrebbe riportata al suo mondo reale fatto di piatti da lavare, casa da rassettare, montagne di roba da stirare. Un’uomo vuoto, inespressivo, che mai avrebbe potuto dargli tutto quello che aveva in quel momento. Mi sembra di vederla rientrata a casa, con lo sguardo basso, indossare il meraviglioso abito da sera, infilare i guanti di gomma e iniziare a pulire i vetri. Forse tra un’anno andrà ad impegnasi gli orecchini per pagare le bollette del gas…

Raffaella, hai regalato due giorni da sogno, o il resto della vita nel rimpianto?

Published by