Approvata la legge Gasparri

Ho il vomito, succede in questi casi. Ne aveva parlato anche la Guzzanti ieri durante lo spettacolo. In sintesi, il problema di Berlusconi (perchè il problema era tutto suo) è che la legge non prevede che una sola persona detenga il quasi monopolio televisivo. A causa di questa noiosissima legge il premier avrebbe dovuto rinunciare a retequattro liberando l’etere e passandola su satellite. L’escamotage di Gasparri è questo, la tv digitale. Il digitale è ancora un’idea lontana da noi, ma la si sta vendendo come innovazione. C’è anche il contributo statale se si passa al digitale, i famosi 150 euro (che paghiamo poi noi) per passare ad una tv che a tutt’oggi fa vedere gli stessi identici canali che si vedono adesso, con la differenza che, sa a casa avete due televisioni e voi volete guardare la partita e vostra moglia la telenovela, non potete, con il digitale si può avere un solo segnale alla volta… un vero affare eh? Non facciamoci truffare così, questa è una vera presa per il culo, servono ancora molti anni prima che il digitale possa diventare una valida alternativa. Serve solamente al premier per non dover chiudere una sua televisione e perdere sponsorizzazioni.

Se poi si attaccano al discorso dei posti di lavoro non fatevi menare per il naso ulteriormente, all’intrno ci sono tutte persone che sarebbero ricollocate nell’azienda e altre che continuerebbero a lavorare. Senza dimenticare che stanno facendo un caso il lavoro di poche decine di persone quando in italia CENTINAIA di operai perdono il posto a causa del malgoverno.

Amici, svegliamoci!