Te lo avevo detto!!!!

Odio quando me lo dicono, questa è una frase che mi urta i nervi "te l’avevo detto io!!!", casomai anche un poco cantilenata, giusto per dare un tono da beffa. Ieri quando me l’hanno detta, mi ha dato ancora più fastidio perché me la stavo ripetendo da almeno un’ora.

Prologo: E’ da qualche anno che davanti alla coop dove lavoro io, una zingara con tutta la sua prole staziona mattina e pomeriggio per fare elemosina. E’ una donna molto bella e spesso con lei ci sono i suoi quattro figli, Stella e Carmen sono le più grandi, poi c’è Maria Carmen che ha 1 anno e il figlio maschio, Jonut (che però tutti chiamano Maldini) di circa 10 anni.

Hanno sempre avuto un comportamento molto gentile, tantè che noi del negozio avevamo preso a cuore Jonut. Ci siamo interessati per farlo andare a scuola, gli abbiamo regalato la cartella, i materiali didattici, qualche vestito. Abbiamo sempre difeso questa famiglia da tutte le continue voci, cercando di aiutarli in tutto. Al mattino a Jonut preparavamo la colazione e io e Anuska lo trattavamo un poco da figlioccio.

L’amara scoperta: Purtroppo da qualche tempo avevamo un terribile sospetto, che nonostante tutto quello che si stava facendo, la nostra famigliola rubasse in negozio. Fino all’ultimo ho cercato di convincermi che stavo e stavamo sbagliando e anche quando un qualche cliente diceva "state attenti che quelle fanno delle mosse strane", sorridevamo, rispondendo che erano "amiche".

Amiche questo paio di coglioni! Ieri mattina le abbiamo tenute d’occhio e, fa male dirlo, le nostre amiche stavano facendo la spesa a sbafo. Micca si insaccavano due patate; nel cestino speciale avevano messo: 3 punte di grana, 2 tranci di prosciutto, 2 mezze coppe e un misto di articoli vari.

Mi è caduta la faccia, quando le abbiamo chiamate in ufficio quasi stavo mettermi a piangere dal nervoso, non riuscivo a parlare, mentre Anuska si è sfogata urlando.

Che amarezza, mi sono sentito come se avessero rubato a casa mia. Spero vivamente di non vederle più, non credo che avrei la forza di affrontare qualsiasi tipo di discussione. Sulla via di casa ho incontrato una signora che viene sempre a fare la spesa e che spesso mi aveva messo in guardia dalla zingara. Quando gli ho raccontato l’accaduto il “te lo avevo detto” è arrivato, inevitabile e tagliente.

A degna conclusione di questa pessima mattina, un bellissimo esempio di civiltà. Stavo tornando a casa in bicicletta e mentre passavo da piazza del Monte mi sono trovato questo spettacolo: un signore con notevoli problemi fisici, stava camminando a fatica cercando di attraversare la strada, barcollava e sembrava stesse per avere un malore. C’erano varie persone intorno che lo guardavano e nessuna che faceva o diceva nulla… tutti fermi, come a guardare la televisione. Ma che schifo. Quando gli ho chiesto se aveva bisogno mi ha detto che aveva avuto un attimo di vertigini, forse a causa del sole.

Anche se non è facile, vorrei riuscire a non perdere fiducia nelle persone… ma è difficile… cazzo quanto è difficile…

Published by