Badilate di cultura! (ho comprato il mio primo quadro)

Oggi pomeriggio è passata dal negozio Fiorella.

Fiorella è una ex collega, la quale, stanca dei ritmi frenetici dei tempi moderni, degli orari da rispettare, delle stupide e noiosissime imposizioni della moda, dei "questo è bene" e dei "questo è male", ha pensato saggiamente di rifugiarsi in un paese meraviglioso dove può andare solo lei. Quando è lì si sente bellissima e può fare tutto quello che vuole. Ma nonostante questo Fiorella è una persona così gentile e premurosa che non vuole abbandonarci tutti in questa realtà grigia. E così, piena di sorrisi e di energia positiva, ogni tanto viene a farci visita per regalarci un poco del suo amore sincero. Ti sorride sempre come se tu fossi la persona più meravigliosa ed unica di questa terra, ti abbraccia e ti bacia e ti fa sentire importante ed in cambio non vuole assolutamente niente.

Oggi era particolarmente radiosa, mi è venuta incontro, mi ha abbracciato e poi mi ha chiesto se volevo comprare un suo quadro.

"Ma tu dipingi Fiorella?" Gli ho scioccamente chiesto, come se una persona così perfetta non sapesse disegnare…

"Si, faccio tanti quadri" mi ha risposto allegramente, poi mi ha baciato sulla guancia e mi ha detto "vuoi vederli? Li vendo a 25 euro, sono belli sai?".

Mi ha dato appuntamento all’enoteca Brenta, dove lei espone. L’ho raggiunta un poco emozionato dopo il lavoro e anche se sono arrivato in ritardo, non mi ha rimproverato, anzi, da vera donna dalle grandi decisioni è passata subito agli affari. Mi ha mostrato le foto degli altri suoi quadri e per ultimo ha preso dalla borsa quello che Lei aveva pensato fosse quello giusto per me. Me lo ha dato in silenzio, quasi preoccupata che potesse non piacermi.

E’ bastato un attimo per farmi capire che avevo tra le mani l’opera più meravigliosa che fosse mai stata disegnata. Un quadro molto complesso, ricco di colori e di allegria, con un ragazzo sorridente che tiene tra le mani un palloncino.

Quando gli ho detto che l’avrei comprato si è addirittura premurata di dirmi "sono 25 euro, ma se vuoi me li puoi dare anche a rate".

Ho preferito pagarla subito ed in contanti.

Dopo avermi ringraziato mi ha accompagnato all’uscita, mi ha guardato fisso negli occhi e mi ha detto "sono contenta che questo quadro lo abbia scelto tu Massimo".

…Anche io sono contento che Lei abbia scelto me.

Published by