Ragionamenti del cazzo

Mi hanno rinfacciato di fare dei ragionamenti del cazzo. E’ vero, ma è anche vero che il cazzo fa sempre i "suoi ragionamenti". E’ una parte del corpo maschile dotato di vita propria, non ho mai conosciuto nessuno che avesse un completo controllo del proprio gioiello (a parte Lillo, ma qui si parla di artisti…). Quando il sangue affluisce nel corpo cavernoso, il membro diventa pulsante di vita propria, e ruba il nutrimento al nostro cervello. Più è intenso il deflusso, meno è il controllo che riusciamo ad esercitare. Il risultato è quello di diventare quasi degli automi, completamente succubi del potere imposto dalla nostra fava. Soddisfatti i voleri del nostro membro, il nostro cervello riesce, molto lentamente, a riprendere il controllo su tutte le parti del corpo: il respiro ritorna regolare, smettiamo di digrignare  i denti vaneggiando degli improbabili "siiiiiii, ahhhhhhh" e soprattutto, riusciamo a mettere il fila almeno quattro parole dandogli un senso compiuto.

Quindi, fare dei ragionamenti del cazzo è nella natura maschile.

Published by