Five… Four… Three.. Two… One…

Giornata triste? Voglia di novità? qualcosa di frizzante per stimolare il corpo? La ricetta è molto semplice, seguite con me queste facili istruzioni:

Andate a letto molto tardi dopo aver bevuto una quantità esagerata di vino, alzatevi molto presto, ma già 10 minuti dopo sulla normale tabella di marcia, tracannate una mezza moka di caffè sperando che almeno uno dei due occhi riesca a distinguere i colori di base, mangiate due fette di pane da tost (già scadute da due settimane ma conservate in frigo), farcitele con una sottiletta, mangiate questo tost senza scaldarlo (ricordate che siete in ritardo?) giusto per avere un poco di nutrimento, lavatevi i denti appena finito di masticare e create nella vostra bocca quel delicato mix di caffè-formaggio-menta che fa tanto germania, saltate sulla bici e pedalate in fretta verso il lavoro sperando che tutti gli orologi del mondo siano da regolare e che in realtà non siete 20 minuti in ritardo, realizzate a metà strada che la temperatura si è sensibilmente abbassata e che il vostro abbigliamento è inadeguato, cambiatevi nello spogliatoio a tempo di record superando di 2 decimi il primato di superman nella cabina telefonica, accogliete i fornitori con un bel sorriso sperando che non si accorgano della vostra dislessia e del fatto che la lingua è incollata al palato, dopo un’ora che state sudando sette camicie concedetevi un minuto di pausa e bevete un actimel multifrutti freddissimo, ricominciate a lavorare facendo uno sforzo fisico paragonabile a scaricare una ventina di prosciutti.

A questo punto fermatevi un attimo, chiudete gli occhi, respirate profondamente, concentratevi a fondo e ponetevi questa domanda: “in quanto tempo riesco a raggiungere un cesso?”. Se la risposta è “più di 47′ secondi”, prendete in seria considerazione l’ipotesi di cagare nelle braghe, se invece riuscite a raggiungerlo in tempo, riuscirete a provare le stesse sensazioni che provano gli astronauti americani durante i decolli delle piattaforme spaziali.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

14 thoughts on “Five… Four… Three.. Two… One…”

  1. meno male che ogni tanto abbassi le difese e ti fai riconoscere….ogni volta che vengo a fare spesa e ti vedo vispo e cortese con gli anziani, vigile coi furfanti e seduttivo con chi ti va a genio, mi dico: ma come fa alle undici del mattino (quando mi sveglio io) ad essere già così in forma, sarà il formaggio!

  2. Per me è tutta colpa del pane da tost scaduto da troppi Pochi giorni. Probabilmente non si era ancora biodegradato..

Comments are closed.