Il ritorno di Katerpina

Ah, ma bene… una si distrae un attimo e subito saltano fuori dei problemi. Ero in bagno che mi stavo facendo la barba, quando all’improvviso ho sentito gridare. Il tempo di pulirmi un attimo e sono corsa in casa. Ho trovato il signor Bifidus tutto preoccupato, non ha voluto dirmi molto, ma pare che ci siano in vista dei problemi. Non ha voluto dirmi di preciso cosa, mi ha solo parlato di trenta denari. Pensavo si riferisse ai collant, ma poi mi è venuto in mente che in genere usa quelli da 70…

Adesso che è uscito, voglio mettere subito in chiaro una cosa: io al signor Bifidus ci tengo tanto, quindi, se continuate a rompergli i coglioni, vengo lì e vi dò tanti di quei ceffoni, che poi siete costretti a cambiare la foto sulla carta di identità, perchè vi cambio la fisionomia! Omo avvisato…

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

8 thoughts on “Il ritorno di Katerpina”

  1. Vede, quando all’agenzia ho visto la sua foto ho capito subito che lei era la segretaria ideale. Mascolina, ben piazzata, ottima dattilografa, PR e pure body guard. Con lei al mio fianco mi sento in una botte de fero.
    Con la tredicesima si aspetti anche un piccolo omaggio a parte.

  2. Sig. Katerpina, poi quando ha finito di fare la chirurga plastica con quelli che dan fastidio al sig. Bifidus, porti pure da me la biancheria sporca che mi arrangio io a farle la lavatrice.

  3. Carina la Katerpina… la voglio sposare 🙂
    <center><b>Come la fenice, uccello diverso e bello, risorgo dalle miei ceneri <br>per essere più forte, più bello…<br> più diverso</b></center>

  4. la signora katerpina è la classica donna che trasmette sicurezza. Come le cuoche dell’asilo, o le bidelle, nessuno avrebbe mai il coraggio di contraddirla.

Comments are closed.