Gianpò Gotiè

Quante cose che si scoprono di prima mattina, e proprio quando uno meno se lo aspetta.
A meno di 100 metri dalla stazione di Milano Rogoredo c’è un piccolo bar che merita una visitina, solo per vedere il ragazzo al banco. Nonostante il tempo da lupi il baldo giovanotto vestiva abiti succinti, che mettevano in mostra i suoi addominali scolpiti nel mascarpone. In viso invece, così spinzettato e semi carbonizzato da eccessi di lampade, ricordava molto Niky Lauda.

Quando sono entrato nel bar il giovanotto stava intrattenendo due signorine, sfoderando tutta la sua infinita cultura in fatto di estetica e glamour. Grazie a lui ho infatti scoperto il profumo di un nuovo stilista, si chiama Gianpò Gotiè.
Probabilmente è un lontano parente (da parte di mamma) del più famoso Jean Paul, ma non per questo meno importante.
Il nostro Gianpò ha iniziato a lavorare molti anni fa come operaio alla Baygon. Grazie all’esperienza maturata e al contatto quotidiano con micidiali intrugli antimosche, il nostro giovane stilista ha dato vita alla sua prima (e speriamo ultima) frizzante fragranza “Areare il locale prima di soggiornarvi“. Questo inconfondibile tanfo bouquet, è penetrato nelle mie narici ed in pochi istanti, sia il caffè, che la pasta, avevano lo stesso identico sapore chimico.
Una visita a questo bar è obbligatoria, il caffè è una ciòfeca, le paste sono di gomma, ma la visione di questo manzo tecno-tatuato è assolutamente imperdibile!

20 risposte a “Gianpò Gotiè”

  1. Sig. Larvotto, mi darebbe l’indirizzo di questa profumeria tanto scìc? Devo giusto prendere un pensierino per l’ex-segretaria del sig. Bifidus, quella prima di Katerpina, e questo Gianpò Gotié mi sembra proprio perfetto! Poi passi da me che devo darle una cosa.

  2. Mah io non ho mai avuto la fortuna di imbattermi nel fun di Gianpo’…se mi dai indicazioni più precise lo vado a trovare!!!

  3. Ciao Mariken, non ricordo il nome preciso, era il giorno dopo il concerto dei whippink. Sto guardando la mappa e direi che è il bar su via Toffetti, ad un centinaio di metri dalla stazione… chiederò alla mia amica di andare in ricognizione. E la prossima volta che torno a milano organizzo una visita guidata 🙂

  4. Ottimo! Organizziamo una visita guidata, distribuzione di tester e alla fine in omaggio ci sarà un cesto con: panettone, due bottiglie di "schiumante", cioccolato, pasta e olio. Il tutto compreso nel prezzo del biglietto, solo 19,90 euri.

  5. buone feste signor Larvotto, lei sarà un mito anche nel 2005, lo so, lo sento, lo ANNUSO nell’aria!
    😉
    ***

  6. pure io voglio il gingillo dei red sox..non fosse altro perché sono scorpione e poi i red sono la squadra del mio UNICO amore maschile: KING

I commenti sono chiusi