Le mie vacanze

Sono rientrato dalle ferie lunedì e già mi sembra tutto un lontano ricordo.
Che sensazione strana, quasi come se tutto quello che mi è accaduto sia stato solo un racconto. Eppure l’ho fatto, ho le foto, altre persone possono testimoniare.

Roma e il colosseo

La prima tappa è stata Roma.
In un solitario girovagare per note strade sconosciute, camminando accarezzando mille pensieri, tutti senza importanza, mi sono ritrovato sotto al Colosseo. Un enorme divertimentificio dove si andava a guardare la gente morire. Non è poi molto diverso da adesso, dove noi, come moderni romani, guardiamo corpi straziati da guerre infinite, donne e uomini perdere la propria dignità, e lo facciamo stando seduti su comode sedie, al caldo, mangiando distrattamente ed un poco annoiati, il nostro pane quotidiano.

via dei fori imperiali

Bella Roma, calda nonostante la bassa temperatura, invitante e maliziosa ad ogni angolo.
Ho incontrato amici (lui e lui, e poi anche lui)che mi hanno portato a mangiare e bere in luoghi molto carini.
Ho giocato con una pazza sulla metropolitana e forse, alla fine, il pazzo sono io.
Ho messo la mano nella bocca della verità.
Non ho lanciato monetine nelle fontane.
Ho visto la mostra di Esher.
Ho letto tranquillo un libro, seduto su dei gradini al circo massimo, mentre venivo riscaldato da un meraviglioso sole ed allietato dalle grida di due buffi (ed un poco imbranati) giocolieri.
Ho fatto un misero shopping.
Ho preso il caffè nel bar in piazza S. Eustachio, mentre il barista mi faceva l’occhiolino J
Ho attraversato la strada di nuovo.
Ho conosciuto anche un gatto meccanico.
Sono stati tre giorni intensi.

il gatto meccanico

Nota divertente.
Mentre camminavo lungo via dei Fori Imperiali, avevo davanti a me un ragazzo, presumibilmente tedesco, vestito da autentico punk londinese anni 70/80, con tanto di cresta a punte di almeno 10 cm.
Ad un certo punto, un buffissimo signore, un poco grassoccio, vestito da centurione romano, con calzamaglia di lana color carne, elmo con sopra scopa rossa rovesciata, spada e, vero tocco di classe, scarponi da neve, ha iniziato a seguire con lo sguardo il ragazzo punk.
Poi, mentre lo guardava allontanarsi, lo ha indicato con la mano ad elemosina e mi ha detto “aò, anvedi com’è vestito quello!”…
Avrei voluto dirgli “aò, pure tu però…”

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

12 thoughts on “Le mie vacanze”

  1. Mitico Fabiolino!
    …Penso che tra il nostro Larvotto e il geniale Fabiolino nascera’ un grande sodalizio artistico… stiamo assistendo all’inizio di un connubio destinato a passare alla storia e, noi potremo dire che c’eravamo.

  2. Però nel resoconto ci sono buchi sospetti… tipo l’occhiolino del barista… e poi? : - ) Tace forse qualcosa?? ; - )

  3. uh che bello il princyrubinetto: penso sempre che il simbolino sulla manetta centrale sembra uno smile.
    baci
    andrea

  4. Pensa che al circo massimo negli anni ’70 si batteva dietro alle frasche.
    Mi ha fatto piacere conoscerti.

Comments are closed.