Il Papa sta male

Il Papa sta male, il mondo prega per Lui.
Io no.
Sono cattivo?
Forse.
O forse sono solo stanco ed annoiato da tutto questo rumore.
E’ un’uomo rassegnato, malato, non riesce più nemmeno a parlare, la messa la fanno andare in playback, viene portato in giro come una statua vivente, non è più un pontefice, è diventato un cyborg alimentato ad acqua santa.
La cosa sta diventando anche un po’ grottesca.
Perché tutti vogliono che non muoia? Tanto quella è una cosa che toccherà ad ognuno di noi, nemmeno il Papa è eterno. In compenso, dovrebbe stare tranquillo, se è vero tutto quello che predica, per Lui ci sarà un posto speciale in paradiso, un posto dove starà benissimo, altro che una camera di ospedale attaccato a dei tubi.

E’ il nostro Papa dal 1978.
Non riesco nemmeno ad immaginare qualcuno al suo posto, chi di noi non è affezionato al suo “fratèli e sorèle” alzi la mano. La sua faccia espressiva, lo sguardo forte. Un Papa quasi rivoluzionario, che andava anche a sciare.
E adesso? Adesso è il fantasma di Giovanni Paolo II.
Lo stiamo guardando spegnersi, accartocciarsi su se stesso, consumarsi come una candela, l’ultimo guizzo di fiamma prima di spegnersi.
Credo abbia il diritto di stare male, di stare chiuso in una camera, accudito e curato come si deve per poter morire in pace.
Lo volete rivedere sorridente al balcone? Beh, è impossibile, lo avete capito questo?
Il mondo prega per Lui.
Ok, continuate a pregare.
Io ho deciso che invece pregherò per Leyla.
Chi è dite?
E’ una donna che dalla vita ha avuto solo schiaffi.
Ho scelto Lei a caso tra le tante notizie che affiorano da internet, l’ho scelta senza nessun motivo particolare, la prima che ho trovato.
E allora, mentre voi continuerete a pregare per un uomo che ha vissuto tutta la sua vita, io pregherò per una donna che non ha mai avuto la possibilità di vivere la sua.
Amen

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

24 thoughts on “Il Papa sta male”

  1. La sofferenza del mondo è una voce che anestetizza la mente. A volte è un bene, perchè si rischia di rimanere schiacciati da tanto dolore. Il più delle volte è un male, perchè uno spirito sopito è un essere che sopravvive, e niente più…
    Pregare per evitare i mali del mondo? Non so… io prego per avere la forza di (re)agire.

  2. A parte che ognuno, se pure prega, prega per chi vuole lui, ma nel tuo cuore c’è posto per una sola preghiera?

  3. A volte sono "scappato" per non soffrire, ma ho perso un occasione di crescita. Però quello che non uccide fortifica. Adesso se devo pregare, prego per avere la forza di superare le difficoltà, non per non incontrarne affatto… Poi se vogliamo puntualizzare l’ovvio, ognuno prega per chi vuole… certo.

  4. …il pregare è nell’intimo di una persona, ostentarlo è solo una forma di vanità, giudicare che lo fa o dire che è più giusto farlo per uno invece che per un altro è solo superbia e arroganza…

  5. beh, insomma, ok, una persona che soffre ha sempre la mia solidarietà.
    però io non sono tra quelli che ora loda il papa.
    questo papa ha tanto alimentato anche l’odio.
    è il papa che parlò di una guerra giusta qualche tempo fa,
    è il papa che anche ora pubblica i suoi scritti, che, tra l’altro, tuonanao contro le unioni omosessuali, è il papa che in africa lanciava strali contro l’uso del preservativo (in un paese dove credenza vuole che per cucare l’aids un uomo deve stuprare una vergine)…
    e altro.
    cmq basta, poveretto.

  6. secondo me, questo papa è ancora vivo solo perché non si son ancora messi d’accordo su chi sarà il suo successore. e trovo esagerato il comportamento di certi giornali, insomma titolare a sette colonne "Il papa ha bevuto" (Corriere della sera) mi sembra francamente eccessivo. Meno male che ci han risparmiato i dettagli sulla ripresa della peristalsi pontificia.

  7. Dimentichiamo forse che il giorno dopo ha mangiato caffellatte con 10 biscotti ed uno yogurt? (Tra l’altro secondo me è una palla mostruosa dopo una tracheotomia )
    Questa si che è informazione utile.

  8. mi sembra una bestia allo zoo, data in pasto alle beghine e ai ciellini di tutto il mondo… che fine ingloriosa (e non per colpa sua…)

  9. Credo che in questi commenti si sia abbondantemente focalizzato il problema. Evidenzio quello che ha scitto Bo (ciao Bo!), ed a seguire Gattopesce.

  10. Mi sono permesso di copiare e incollare il tuo post e e inviarlo a qualche amico perche’ esprime quasi tutto quello che penso sull’argomento. Con un’aggiunta: anche se non avessi da pregare per nessun altro, per questo papa che ha voluto escludermi dalle sue preghiere io non prego.
    Ciao
    S.

  11. Ma… Io invece sono abbastanza folgorato dal modello e dal messaggio di Gesù Cristo (spesso travisato dalla gerarchia ecclesiastica). Credo che non ci si possa sottrarre all’Amore, all’Amare, al donarsi agli altri, a spendere la nostra vita per gli altri. Questo mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto capire cosa c’era dentro di me che ribolliva… Scusate… ma la penso così. Non vorrei apparire un invasato…

  12. Penso che tutti abbiano il diritto di pregare per chiunque, se credono. Riguardo il Papa certo è che comunque rappresenta la sofferenza di tutti, di sicuro troppo sbandierata ma è sempre necessario ricordarla poiché a volte si dimentica che esiste. Elevare a simbolo una persona non è un male se serve a ricordarci che siamo comunque non eterni e non immuni al dolore. Tu hai la libertà di non pregare per una persona così come altri hanno quella di pregare per tuta l’umanità. Ma hai il dovere di porre sullo stesso piano una perona qualunque e una persona incastrata nelle ruote di una società contorta e a volte terribile.

  13. Premetto ke ci sono molte cose della chiesa che nn condivido(ad es il non accettare l’omosessualità eil rifiuto dell’eutanasia). E’ vero ke nel mondo ci sono tante persone ke muoiono senza ke a nessuno importi e ke molti muoiono da giovanissimi senza aver avuto a disposizione neanke un pò del tempo che ha avuto il Papa…ma solo xkè lui è vekkio e malato e ha vissuto molto nn significa che può anke morire. Ank’io penso ke ora dovrebbe riposarsi ma sbagli quando dici ke ha il diritto di stare male, di stare chiuso in una camera. Perchè lui nn vuole quel diritto, lui vuole vivere(come tutti penso), lui nn vuole stare chiuso in una stanza di ospedale, vorrebbe continuare a svolgere la sua missione, celebrare la Pasqua.E sono soprattutto le persone che nel mondo soffrono e ke sono malate che vogliono ke lui nn muoia. Perchè lui rappresenta la speranza, la forza che si deve avere nella sofferenza e nel dolore, anke fisico. Lui è un modello per ki è malato. Penso che quando il Papa morirà il mondo sarà 1pò meno bello. Ank’io sono stata male e il vedere le sue mani tremanti per il Parkinson, nn capirlo mentre parla, vederlo sempre più curvo e al tempo stesso vederlo girare il mondo e vederlo fare grandi cose mi faceva pensare ke la sofferenza si può affrontare. Confesso ke mi mankerà vederlo sorridere da quella finestra e pensare ke dopo la tempesta può arrivare il sereno, il duro è passare la tempesta ed essere forti. Mi mancherà la sua tenacia nel voler restare in piedi.Mi mankerà la straordinaria forza di un uomo vekkio e maltato. E’vero tutti prima o poi moriamo e la morte arriva per tutti. O forse qualcuno resta, nel ricordo.Forse per il Papa quella morte nn arriverà mai. Io credo ke molti lo ricorderanno. Quando avrò un problema stupido o serio, io ricorderò i suoi okki così vivi e espressivi anke con il volto ormai deformato per la malattia. Ps E’ stato fin’ora il Papa più moderno. Un giorno la chiesa(anke se tra moltissimi anni)riconoscerà che alcune cose, come l’omosessualità, sono un fatto naturale.

Comments are closed.