Parola torna indietro!

L’avevo sbefeggiata e ne avevo parlato male. Nelle chiacchiere di gruppo, l’ho sempre sonoramente spernacchiata… Beh, come dice il proverbio “chi disprezza, compra”.

Adesso sono nella mia cameretta, sorseggiando una tisana alla vaniglia, avvolto da un profumo che sa di buono e sto ascoltando il suo disco. In questo nevoso pomeriggio di marzo, il larvotto raccoglie tutto quello che aveva scritto qui, ne fa una pallina e se la mangia.

23 risposte a “Parola torna indietro!”

  1. Il suo concerto al Fuoriorario era stato da rizzapeli…meno male Larvotto che ti sei ravveduto!!!!un bezzzzz

  2. ma che bella atmosfera!neve fuori, musica jazz (giusto?), tisana profumata…uao!beato te!io ero in labo e mia madre mi telefonava isterica "rientraaaa a casa!allarme tempesta di neve"!che palle!ho il labo a un tiro di schippo da casa!sì, abito coi miei…

  3. Candy Candy, arrivare al bar e trovare la colazione pagata, è un’ottimo modo per affrontare la giornata… GRAZIE!!!! (^.^)

  4. Fabiolino, siamo curiosi eh? Facciamo così, adesso le mando una mail dove le svelerò aluni segreti che lei nemmeno immagina… gossip a gogo

  5. Be… comunque questo è uno dei miei cd preferiti. Secondo me Amalia è una delle poche cantanti dall’utero dodecafonico!

  6. Larvotto ti sfido a far cambiare idea anche a me. Io Amalia la spernacchio tutt’ora.

  7. Sapete cosa, ragazzi? Un cambiamento così repentino… secondo me c’è qualcosa sotto… Voi che ne pensate? Qualcuno ha sentito delle news a RADIOSERVAEMILIANA sulle avventure sentimentali del Larvotto? 🙂

  8. Ciao HA, perchè sei così criptico? Non riesco a capire cosa vuoi dire, ti piace o no? Vediamola così, per chi soffre di stipsi, potrebbe essere la soluzione ideale ; - )

  9. il mio fratellone la trova inascoltabile. così noi la ascoltiamo su tutte le volte che entra da noi.
    bo!

  10. mi piaceva finchè la nostra insegnante non ha deciso di farci una coreografia… adesso appena sento le note di "odio l’estate" da quante volte l’abbiamo ripetuta, mi vengono delle crisi…

I commenti sono chiusi