Chi ha paura delle neve?

Serve una piccola premessa:
Io ho paura della neve, la neve crea disagi, se devi viaggiare o spostarti in macchina diventa pericoloso, la neve sta bene in montagna, e fare un pupazzo di neve è divertente.

Oggi, durante una conversazione sul tempo (un classico mentre si fa la spesa), è venuta fuori questa frase “meno male che stanotte non ha nevicato, avevo paura di trovare la neve”.
Mi ha fatto molto riflettere questa cosa, fa davvero così paura la neve? Che cos’è che dobbiamo “assolutamente” fare?
Stiamo affannandoci sopra ad un mondo che gira, tutti lanciati a velocità supersonica, correndo più veloce della terra stessa.

Quando, in risposta alla frase della signora, ho detto che “dovremmo imparare a seguire i tempi della natura”, ho visto volti stupiti… “I ritmi della natura?” hanno ripetuto divertiti “Ma siamo nel 2005 e tu mi parli come un contadino di inizio secolo?”.
Beh… magari avessi la metà della saggezza di un contadino.

Nessuno vuole fermarsi, tutti hanno paura di rimanere indietro… però nessuno sa da che cosa.
Ci ritroviamo tutti con l’affanno, e non sappiamo perchè.
Sinceramente a me, più che venga tanta neve, mi spaventa il fatto che non ne venga più.

Mi è tornato alla mente un freddo pomeriggio di tanti anni fa.
Stavo alla finestra a guardare la grande distesa di bianco, e chiesi a mia nonna “a cosa serve la neve?”.
Ricordo che mia nonna si avvicinò alla finestra, ed abbracciandomi, mi disse una frase in dialetto che sembrava una poesia:

La nèiva là vìn perchè la tèrà l’ag nà bisogn’,
a là dròva c’mè nà cuèrta,
l’agh sàrvoia per dùrmìr.
Ac’sè,
quand’là sé svèglia bèla frèsca,
l’arvès y òtc e l’àt fa un gràn surìs.

Alla terra manca la neve, e stanotte un poco manca anche a me.
Anche io vorrei addormentarmi in un abbraccio, per svegliarmi con un sorriso.

 

(La neve arriva perchè la terra ne ha bisogno,
la usa come una coperta,
ci si avvolge per poter dormire.
Così,
quando si sveglia riposata,
apre gli occhi e ti fa un gran sorriso)

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

28 thoughts on “Chi ha paura delle neve?”

  1. E’ molto bello quello che ti ha detto tua nonna.
    qua di neve ne vediamo poca e quando arriva è sempre un evento. E’ bello vederla scendere, stare ancora adesso imbambolati davanti alla finestra e osservare i fiocchi che si posano a terra.
    Poi la neve passa e si trasforma in orribile brodo misto a fanghiglia che ti insozza tutto!
    Sì, è meglio in montagna!
    io da piccolo correvo fuori aprivo la bocca verso l’alto e mi divertivo a mangiare i fiocchi di neve… lo faccio ancora adesso!
    eheeh

  2. Mio Dio, ma è una risposta bellissima.
    E in dialetto rende ancora di più.
    p.s. Natura o meno, a me la neve fa orrore. quando vivevo in provincia, nella sperduta campagna delle mie valli natali, la neve rappresentava una barriera insormontabile alla mia quotidianità. Ricordo la fatica di raggiungere la scuola, il timore che i miei potessero avere un incidente in macchina, il bianco che rendeva piatto e omogeneo un paesaggio che, dalle mie parti, non lo è mai.
    La neve sta bnee nelle cartoline natalizie, diversamente ne faccio a meno

  3. per me non è mai stato un problema nè tantomeno un disagio (vivo in provincia di cuneo ndr) adoro la neve, in tutti i suoi imprevisti, disagi compresi. Venerdì mentre tanta gente era bloccata in autostrada ci ho messo 2 ore abbondanti a tornare a casa dal lavoro, e la sera a ballare felice come una pasqua…boh sarò un caso patologico temo

  4. a volte penso a tua nonna, a quando andavo al mare con lei , mia nonna e tua sorella da piccola e a come la facevamo arrabbiare; ai racconti sulla su fuga d’amore con il calesse che mi lasciavano a bocca aperta;al suo odore di buono;a quando diceva termafresc e carosero al posto di permaflex e cherosene….e mi manca tanto.

  5. Capisco i ritmi della natura, ma non posso dire al mio capo che arrivo in ritardo per colpa della natura. Quando da me nevica, fino a metà mattina non mi posso muovere di casa. Con la macchina non riesco ad arrivare al mio ufficio, devo parcheggiare più lontano. E se puliscono le strade mi ritrovo con una macchina che fa schifo, grigia e piena di quel sale chimico che bene non fa.
    Io odio la neve. Per chi ama sciare (o fare pupazzi…) c’è quella artificiale. Sogno il giorno in cui si potrà comperare a metri cubi al supermercato. Me ne metterei un po’ in giardino per ricordare i tempi passati, sorseggiando un mojito mentre prendo il sole.

  6. [OT] Prima Rat-Man, adesso Robotman!!!! Se mi dici che ti piace pure Liberty Meadows, ti sposo (naturalmente la sposa con l’abito bianco sarò io!) : - )

  7. larvotto poeta.. fantastico. scrivi davvero bene e sempre cose originali. E’ un piacere leggere il tuo blog. 🙂

  8. Ammazza quanti accenti questo dialetto! 😀 Io porto la mia esperienza: la neve serve a mantenersi in forma dovendo spalare tutto il giorno il metro accumulatosi davanti la porta di casa/garage ecc. 🙂

  9. a me piace. la neve rallenta le cose e i pensieri. fa riflettere, desiderare momenti teneri con le persone amate. e poi, qui fra le montagne, è una delle poche cose buone che mi riservi l’inverno..
    ah, c’è naturalmente anche il vantaggio ricordato da gattònico! : - )

  10. Finalmente qualcuno che adora la neve come il sottoscritto… specie al mattino presto intonsa intatta l’aria ovattata… nessun rumore e la tocchi fai i fumetti respirando… meraviglioso

  11. Anche a me piace la neve. Sarà che in vita mia ne ho vista così poca, ma mi fa regredire a uno stato infantile quasi imbarazzante.

    Mi piace anche la neve in città, quando per qualche ora tutto si purifica, il grigio si ricopre di bianco.

    E se i ritmi rallentano, pazienza. A correre c’è sempre tempo, hai ragione tu!

    Inoltre, visto che siamo a dicembre e le classifiche di fine anno vanno alla grande, vorrei candidare questo come post dell’anno.

  12. Io adorooo la neve ma… dai bordi delle strade in là! Mi piace un sacco osservarla attentamente mentre scende…. Post dell’anno?? CERTO CHE UI’! : - )

  13. l’unico momento in cui esco di casa volentieri per andare al lavoro il mattino presto è dopo una bella nevicata: camminare sulla neve fresca mi diverte come un bambino

  14. Oggi è stata una lunga giornata.
    Meno male che, una freschissima bottiglia di “traminer aromatico” stazionava nel mio frigo…

    L’abbiamo finita, metà io e metà la Cippo.

    Poi ci sono i vostri commenti… ed io vado a letto felice.

    Un bacino a tutti :o)

  15. è la prima volta che leggo il tuo blog e mi piace il tuo modo di scrivere.
    sembra facile innamorarsi di un ragazzo come te…

Comments are closed.