Angelin Preljocaj, alcool & ballerini (ed è solo martedì)

Parte prima: la danza

Finisco di lavorare tardissimo, corro in teatro, non trovo parcheggio, entro al Valli sudato ed ansimante come un cocker (o la Carrà a fine balletto) e prendo posto nel palchetto che lo spettacolo è appena cominciato…

Empty Moves

I commenti alla fine sono stati discordanti, a molti è sembrato noioso, io invece l’ho trovato geniale!

Quattro ballerini, luce bianca fissa, nessun costume particolare, scena vuota, nessuna musica, solo un parlato.

Una danza cruda, nessun elemento di distrazione oppure di rinforzo, solo i movimenti, bellissimi, precisi, tutti passi che, sicuramente, verranno prontamente copiati da moltissimi coreografi a corto di idee…

Noces

Bisogna aggiungere altro?

Una coreografia del 1989 che, anche dopo tanti anni, non ha perso nemmeno un poco di grinta.

Se gli applausi sono veramente il cibo degli artisti, questa sera il balletto di Preljocaj ne ha fatto indigestione.

Parte seconda: alcool al Lounge Red

Nella locale era prevista un’improvvisazione di danza dei ballerini di Aterballetto.

Molto probabilmente però, molti di loro erano appena stati dalla parrucchiera e, preoccupati di rovinare la messa in piega, hanno fatto smorfiette e sono rimasti a bordo pista.

Gli unici a lanciarsi sono stati la bellissima Béatrice Mille che, oltre ad aver aperto l’improvvisazione, ha ballato fino alla fine.

L’hanno seguita  Dejalmir Melo (!), Vincenzo Capezzuto, Valerio Longo e Dario Dinuzzi.

L’esibizione è stata molto simpatica, ed i ragazzi hanno dato esempio, oltre che di incredibile bravura, anche di notevole ironia e di creatività artistica.

Finita la performance dei ballerini è iniziata la mia, ho fatto vedere a tutti dopo quanti gin-lemon perdo il controllo, e credo che in molti si stiano ancora chiedendo cosa avevano da ridere così sguaiatamente il Larvotto, Benny Benassi e Susanna Giarola… speriamo che non lo scoprano mai.

Fine serata dei più classici da dopo bevuta, con due ballerini, un coreografo ed un salumiere che regalavano ai passanti di Corso Garibaldi una simpatica pisciata di gruppo…

E’ stata una serata divertentissima, e non avrebbe potuto essere altrimenti visto l’inizio.

Mentre guidavo disperato verso il teatro, un tramonto mozzafiato esplodeva davanti a me.

In un’orgia di colori, tra maestose nuvole infuocate che si spegnevano dietro a timide colline, la natura regalava uno di quegli spettacoli che nessun artista, nemmeno il più bravo, riuscirebbe mai a riprodurre, che nessun museo potrebbe mai contenere, ma che fortunatamente qualche volta riusciamo ad ammirare.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

24 thoughts on “Angelin Preljocaj, alcool & ballerini (ed è solo martedì)”

  1. Tutto ciò sembra molto bello! Mi fa piacere che non ti annoi. E’ vero, i tramonti in questi giorni spezzano il fiato.
    Baciozzi

  2. Beh la pisciata di gruppo è molto corale, e la serata per essere martedì non mi sembra così male che ne dici?

  3. @Mopa: In realtà stavamo facendo gli stupidotti con una parodia della pisciata di gruppo.
    Io sono una brava signorina e la faccio sempre da seduto 😀

    @kafkahigh: non so perchè ma oggo non si apre il tuo blog… comunque, visto che sei qui, AUGURI!!!! 🙂

    @Confucio: questa frase, quando ero bambino, era un vero tormentone, la si diceva per qualsiasi cosa 🙂

    @la phoebe: :*

    @C.Ex.:E’ stata bellissima, peccato che tra una settimana, tutte queste “occasioni” finiscano 🙁

  4. abbiamo commentato a distanza di secondi 🙂
    e comunque era un tramonto bellissimo cara la mia bidella 😀

  5. al QQ non ti ho visto…strano.
    ho pero’ riconosciuto la tua voce tra gli schiamazzi notturni sotto casa mia.
    per quanto riguarda l’albero davanti al copuno….mi tocchera’ tornare a segnare il territorio.
    @
    )_
    I

  6. al QQ non ti ho visto…strano.
    ho pero’ riconosciuto la tua voce tra gli schiamazzi notturni sotto casa mia.
    per quanto riguarda l’albero davanti al copuno….mi tocchera’ tornare a segnare il territorio.
    @
    )_
    I

  7. Non so se è ballerino o cosa o da che parte mi sta, ma a me quello lì in pantaloni bianchi ha una posa e uno stacco di gamba che mi fa un effetto erotogeno che non ti dico…
    S.

  8. Messer Larvotto, da un signore educato come lei non mi sarei mai aspettato cotanta sconcezza… urinare per istrada…giammai!

  9. Chiedetegli di quella volta in cui ha fatto vedere il culo (peloso) davanti a casa mia ad una coppia fresca di matrimonio con tanto di bebè nel passeggino…

  10. ancora con la danza? non ti è bastato l’assolo privato che hai ricevuto? 🙂
    (non pensiate male, non centrunc***o, io)

  11. @Alex_Vr: bellissime 🙂

    @Liquido: :*

    @kafkahigh: ma prego 😀

    @S.: lo avevi già notato… è Vincenzo, quello nel video delle Kretine. Ed è ballerino 🙂

    @Neroinchiostro: educato? io? 🙂

    @Mitzva: beh… dai… avevo bevuto un bicchiere di troppo 😀

    @Blusky: prenditi le tue responsabilità e racconta a tutti del balletto che mi hai fatto 😀

  12. Che poi, leggere nome e cognome di un tuo carissimo-amico-perso-nelle-nebbie-dei-tempi su un blog è sempre cosa che ti fa stranire, eh.
    Il mondo non è piccolo, è veramente un buco di culo.

Comments are closed.