Se vostro nonno esce il lunedì sera

Se, mentre voi state a casa a cazzeggiare davanti al computer, casomai cercando un qualche bel filmatino come coadiuvante nella masturbazione, vostro nonno si aggiusta le bretelle e, prima di uscire, si gira verso di voi e dice “stasera vado in balera che c’è l’orchestra“, voi come la immaginate la sua serata?

Immaginate un’orchestrina da lunedì con cantante prosperosa in tripudio di strass?

Oppure musichette stile cellulare sulle quali i poveri vecchietti cercano di azzeccare un passo?

O ancora immaginate vostro nonno seduto in poltrona a bere un bianchino?

Fino a ieri sera queste cose le pensavo anche io… poi sono andato a ballare al Dancing El Patio.

Il Patio è una sala da ballo in provincia di Reggio Emilia, ha due sale con musica diversa, una bella terrazza, un’ampia pista circolare, due bar, sedie comode e tanto fresco.

Ieri sera in una delle sale c’era musica dal vivo, ed insieme a tre mie amiche, sono andato alla scoperta di questo misterioso luogo…

Quello che ho visto mi ha sconvolto.

C’erano donnone imputtanite, truccatissime e stringatissime che, insieme a dei panciuti vecchietti, hanno ballato ininterrottamente per ore ed ore.

Balli di gruppo, sguardi insistenti e carichi di ormoni, strusciamenti al limite della decenza, grasse risate, apprezzamenti espliciti, baci languidi, ricche bevute e tantissima voglia di divertirsi.

Alla faccia dei polentoni come me che non escono quasi mai, e che se devono fare un gancio a qualcuno, sudano nel cercare le parole.

Ad una delle mie amiche un uomo, dopo averla fissata intensamente, si è avvicinato deciso e gli ha chiesto “vuole fare un giro in pista?“.

La mia amica lo ha guardato stranita ed ha risposto con un secco “no, grazie!“.

L’uomo, per niente intimorito, ha continuato a fissarla e gli ha detto “pensaci bene, posso farti toccare il cielo se vuoi“.

Ero impressionato da tutta quella audacia.

Nei locali dove vado io, due ragazzi che si piacciono, dopo essersi guardati minimo per 4 ore, vanno a fare un pompino in darkroom a qualcun altro.

Beh, direte voi, con l’orchestrina che ti suona la solita lagna romagnola, la serata diventa una palla mostruosa.

Invece no, anche in questo caso l’idea è sbagliata.

L’orchestrina suonava tutt’altro.

Village People, Donna Sunmmer, Abba, Blondie e via così fino all’apoteosi con un pezzo assolutamente inaspettato!

Quando ho sentito “quelle” prime note, ho avuto un sussulto.

Ho subito preso la mia macchina fotografica per fare una piccola ripresa…

Guardatevi questo filmato e giudicate voi.

E se qualcuno si sta chiedendo come mai sono andato ad una serata di ballo liscio, posso tranquillamente rispondere che io faccio quello che mi pare! Pappappero! 😀

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

27 thoughts on “Se vostro nonno esce il lunedì sera”

  1. Mio figlio abita a Rubiera, gli chiederò se conosce questo posto, potrebbe essermi utile!Ho voglia di abbandonare il mio stile chic e di imputtanirmi per una sera.Ad una certa età si abbandonano tante insicurezze giovanili e si usa l’esperienza.Si vive una seconda giovinezza insomma,vedrai succederà anche a te!

  2. …Ne ho viste di scene del genere, quando facevo animazione nei villaggi…. settantenni infoiate vestite come Grace Jones che ti si struscianom ti palpano ridendo e ti invitano in camera dopo….
    Non c’e’ piu’ la terza eta’, inizia dopo i 120 anni ormai!

  3. ma…caspita!la cantante dal vivo ha una voce stonata esattamente come quella di madonna!incredibile!meglio del concerto del sei agosto!

  4. A me la cantante ricorda tanto quel tormentone che girava in rete tempo fa… com’è che si chiamava? Time goes back con Loli terremoto?

  5. @Riccobono: Se abita a Rubiera lo conoscerà di sicuro, è un locale molto grande vicino al ponte… 😀

    @Pietro: A me le vacanze nei villaggi spaventano anche per queste cose 😉

    @Anonimo del patio: nel senso che eri travestito? fammi indovinare, eri la parruccona bionda? 😀

    @Gattopesce: è da sempre il mio sogno nel cassetto… ma non ricordo in quale cassetto 🙂

    @Lashampistascendeinpista: Di queste cose ne dobbiamo parlare a voce allora… se ti dico “sushi” a cosa pensi? 😉

    @Fil: incredibile vero? e poi a me, quelle spruzzate di romagna fanno impazzire… senza contare il testo alla superc***ola ovviamente : - D

    @Anonimo: pericolosamente simile in effetti 😀

  6. Tutto sta nell’esperienza che la terza età ha in più, non hanno più niente da perdere e soprattutto quelel battute che si scambiano e che riporti fanno parte di un preciso gioco ritualizzato da secoli, ovvero il corteggiamento. Quiest’ultima cosa tra noi si è persa, ci si guarda per ore e si va trombare con un altro perché abbiamo perso le battute e i tempi di questo rito…

  7. e siete fortunati che non avete ancora provato il mondo del ballo da competizione!
    Dei miei amici sono maestri di ballo agonistico e ho frequentato con loro diversi campionati…
    A parte gli strass, le piume, gli swarosky a profusione, i costumini succinti e, cosa non da poco, dei fisici maschili veramente guizzanti e bestiali, c’è tutto un mondo intorno (per riprendere un detto celebre) che ignoriamo, fatto di business, gadget, vestiti, trucchi, ma anche scopate folli, ricatti a sfondo sessuale, tanta gaiezza nascosta ma praticata diffusamente… Insomma: il mondo parallelo degli Ultracorpi è nel Ballo Sportivo!!! Provare per credere!

  8. tesoro hai colto nel segno!la difficolta’ di comunicazione al giorno d’oggi e’ tremeda…se non hai un minimo aggancio su cui fare presa (amici in comune,sport in comune,bloggeristi in comune : - ) )non si riesce a conoscere nessuno!! Siamo tutti talmente spaventati dal possibile rifiuto o dall’improbabile “c***o vuoi?” che ci ritroviamo qui a scrivere invece di uscire e, magari,finire al Patio a farci fare ganci da arzilli vecchietti….ragionamento un po contorto ma spero si capisca….

  9. evviva la balera.. altro che billy o borgo.. magari al patio ci sono anche le salamelle.. ma quelle vere intendo! 😉

  10. Esportate quell’orchestra a Milano!
    S.

    P.S.: Domenica sera al Borgo c’era a sorpresa Dolcenera. pensa te come siamo emssi noi… :-/

  11. “Alla faccia dei polentoni come me che non escono quasi mai”…ma sempar in zir!!!
    Comunque, sono assolutamente d’accordo con fochina. 🙂

  12. Ma la tipa che canta? E’ stata fatta a brandelli dopo? Dimmi di si! E mi aspetto che minimo fosse imputtanita cento volte più del target medio delle tardonISSIME presenti!

    ps – mi son permesso di postare la foto che ti ho scattato in versione senza corona, chiedo perdono! 🙂

  13. OT: Sono in gara per il Grande Blogger, simpatico giochino per il quale sono in nomination.

    Si può votare per me mandando un messaggio privato al moderatore MrWill http://www.mrwill.splinder.com/… basta andare sul suo sito e cliccare “contattami”, in alto a destra e scrivergli “Salvo Neroinchiostro”!

    Il mio ego smisurato e competitivo ti ringrazia!

  14. Ho la fortuna di avere due genitori amanti del ballo liscio e popolare, che da sempre frequentano (e qualche volta anch’io con loro) balere/sale da ballo/sagre. Lasciate perdere la Nuova Idea (a mio parere molto più squallida)…a parte il tipo di musica non ha niente a che fare con il divertimento genuino e reale di certi posti. Qualche domenica fa ad una sagra è successo questo: ore 23,30
    io_”papà vado a casa, domani si lavora, meglio andare a letto”
    papà_”ma come? vai già? proprio adesso che cominciano gli ‘shakes’!”
    ps la tua amica è stata stupida a non accettare l’invito, si sarebbe divertita molto.
    ps2 grazie per aver inserito un commento nel mio blog, mi hai fatto scoprire il tuo!

  15. liquido anch’io sono d’accordo con te…..io e il larvottino, nonostante dividiamo un appartamento neanche troppo grande,stiamo anche 4/5 giorni senza vederci e non certo x colpa/merito mio…..io si’ che sono una polentona, una vera “suor pigrizia”! : - )

  16. @Alex_Vr: beh, le battute ed i tempi si possono recuparare… basterebbe non limitarsi all’odioso “dadovediiigiiitiii” oppure al “sei A o P?”. 🙂

    @AndreaRM: passa notizie sui luoghi di esibizione… ci facciamo un giro 🙂

    @Fochina: Il ragionamento è chiarissimo e, purtroppo, verissimo 🙁

    @BEsto: io una serata al patio la organizzerei davvero 😉

    @S.: Un concerto improvviso di Dolcenera? Ommiddio! ma è stato poi rivendicato? Mi spiace, davvero…

    @Liquido: certo che quando vuoi fare la kretina… 😀

    @Конрад: ehm… come si pronuncia il tuo nome? 🙂

    @Edipo: si, l’ho massacrata io personalmente, e poi ho seppellito i pezzi del corpo in posti diversi…. il cuore invece l’ho mangiato.
    Per quanto riguarda la foto non ti preoccupare, la prossima volta che ci rivediamo, sarà mia premura portarti in dono un sacchetto di schiaffi 😀
    Vai tranquillo, puoi fare tutto quello che vuoi :*

    @neroinchiostro: Uè! Qui si chiedono le spintarelle eh? 😀

    @Vanity Hair: Genitori grintosissimi!
    Il tuo è da un po’ che lo sbircio… ma pensavo di aver già commentato sai? 😀

    @Fochina: adesso dico a tutti che, in questo momento, sei al piano di sopra a controllare l’effetto perizoma-bragabianca :o)

  17. korradino tesoro che bello quando si ballava insieme il valzer viennese in nuova… ma sig. larvotto se ben ricordo lei non ballò con l’orchestra quando andammo, esattamente un anno fa, nella mia discoteca preferita. Oh, altro che quelle sbarbate del borgo…

  18. Mio diletto Misto, ho ancora negli orecchi il fruscio dei vestiti mentre volteggiavamo tra quei preziosi velluti. Vivo nell’attesa di altri simili momenti. Sempre tuo. Конрад (aka Konrad)

  19. @Misto caro: io quella sera evitai di ballare per due fondamentali motivi.
    Il primo è che ho il senso del ritmo di una gallina, il secondo che, se qualcuno mi fa fare due piroette, poi deve portarmi subito una bacinella 😀

    @Конрад: sarebbe bello rivedere quel momento di leggiadrìa che hai appena descritto 🙂

  20. In questi giorni sto facendo un ‘censimento’ dei commenti ricevuti e ce ne sono alcuni anonimi, perciò è probabile che tu non ti sia firmato. Continua pure a sbirciarmi, io farò lo stesso.

  21. Ha hahaha La canzone assomigliava a quella della spagnola di youtube!! mha per me non c’è stata molta differenza da una vera discoteca, certi mostri usciti dai fumetti vestiti come i personaggi di uomini e donne di maria de filippi

Comments are closed.