Occhio a quello che vi mettete in bocca!

Trovo questo articolo tristemente vero, sempre più spesso infatti, capita di trovare amare sorprese nel piatto.

Ad esempio, quel simpaticissimo cliente* che stamattina, dopo aver dubitato della freschezza del vitello tonnato esposto al banco (preparato un’ora prima n.d.r.), mi ha gentilmente chiesto** di farne due porzioni nuove per lui, vuoi per colpa della fretta, vuoi per colpa del suo parlare frenetico***, sicuramente troverà in mezzo alla salsa abbondanti pezzi della mia pazienza…

*leggasi: rompicoglioni d.o.c.

**leggasi: mi ha macinato i coglioni fino a che

***leggasi: mi ha mangiato il cervello con i suoi psicodrammi

ps
Ma non capita mai che, al posto di denti, capelli od unghie, uno nel piatto si trovi un preziosissimo anello di diamanti?
No perché, nel caso, io non lo direi con nessuno : - )

14 thoughts on “Occhio a quello che vi mettete in bocca!

  • Che faccia tosta che ha la gente, a casa mia se uno non vuole il vitello tonnato già preparato si compra il vitello, la majonese, il tonno, il limone, ecc. e se lo fa da solo!!!

  • Esco dal seminato. Ma la simpatica donna della foto conduce con un’amica altrettanto pittoresca una trasmissione di cucina che vedevo nei brevi (aihme’) periodi di soggiorno negli Stati Uniti. Un tuffo nei ricordi. Le due buffe lady, rigorosamente inglesi, viaggiavano con moto e sidecar…E a volte proponevano dei papponni impresentabili…ma con gran understatement. Un vero spasso.

  • si come nel film “l’oro di Napoli” dove Onna Sufia la pizzaiola, fa finta di aver perso l’anello di smeraldo nell’impasto delle pizze, quindi cominciano ad andare a casa di tutti i clienti della mattinata, in realtà lei lo aveva dimenticato dal suo amante! Se non hai visto il film, ti ho svelato il finale, comunque il film è composto da varie storie, ora sai il finale di una!

  • tante volte è meglio non sapere cosa ci si mette in bocca! emh…cioè, mi riferivo ovviamente a quando si va a mangiare in giro eh!… si, nel senso ristoranti, pizzerie ecc..sia mai, per carità che io sia volgare!

  • Come ti capisco larvoto come ti capisco.. come quando a me chiedono? ma scusi il pane è di oggi? grrrr

  • Aspetta aspetta, fammi capire. Tu di capelli non ce ne hai… quindi, cos’e’ che gli hai mischiato nel vitello tonne’? un dente finto? pezzi delle tue unghie? uggesuuuuuuu’!

  • larvotto, spero che almeno prima di mettere le mani nella salsa tu le abbia abbondantemente sfregate sui tuoi gioielli di famiglia, rimandando il lavaggio alla fine della preparazione del vitello tonnato

  • Giusto per togliere ogni dubbio, anche se la tentazione di sputare nella salsa era forte, non ho fatto niente che potesse compromettere la qualità del prodotto.

    : – D

Comments are closed.