Fuga dalla realtà (?)

Ho passato un bellissimo fine settimana.
Insieme a due fidati amici, e grazie ad un valido appoggio, sono andato a controllare se, in un qualche modo, esiste la possibilità di fare le magie.
Che io sappia però, una scuola come quella di Harry Potter non esiste, quindi devo trovare un’altra soluzione.

E comunque, Roma è bellissima, ed io non mi stancherei (quasi) mai di camminare senza meta tra le strade del centro.
Sono invece rimasto completamente deluso dal Gay Village ed anche dai terribili cocktail che servono all’interno.
Al sabato sera non mi vedranno mai più.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

6 thoughts on “Fuga dalla realtà (?)”

  1. E’ vero! E’ diventato un recinto per mucche di razza da mungere fino allo sfinimento! Troppo fighetto e patinato! Voto anche io per lo Chalet!!!
    (Ma arriverà mai un giorno in cui un gay se ne potrà andare af…lo tranquillamente in qualunque locale, provandoci con chi vuole, senza necessariamente dover andare in un luogo che per definizione si dica “gay”?)

  2. azzo, ma sei rientrato nella città che non esiste?
    Pensavo fossi ancora in fila col numeretto all’ufficio postale rainboy davanti al Colosseo… : - )

  3. Per assurde coincidenze, pure io sabato sera ero al gay village. E quando ho visto uno che sembrava proprio te, ho detto: “è impossibile che sia lui, perché mai dovrebbe essere qua al gay village?”

    A volte i libri sono riduttivi nelle coincidenze.

  4. Concordo sul Village: un bell’ambiente sprecato con due piste con musica quasi uguale e cocktail pessimi. Che vengano a scuola di Borgo (a me il Glitter nell’unica volta che ci sono andato mi ha lasciato li’ un po’ cosi’… e pure più di un po’… :-/ )

    S.

Comments are closed.