Spero che Caronte li possa ospitare quanto prima sulla sua zattera.

Ci sono notizie che riescono, in maniera quasi preoccupante, a farmi perdere completamente il controllo.

La notizia la trovate qui.

Tralasciamo le richieste del “rigidissimo parroco” che, in un simpatico clima Vittoriano, chiedeva che nessuno mostrasse le carni durante la processione… ma gli animali cosa centrano?

Di cosa avevano paura, che l’accoppiamento dei due cani randagi, potesse offendere San Giuseppe?

L’episodio è vero e proprio fanatismo religioso, ma quello che più mi fa rabbia è il fatto che nessun giornalista abbia criticato la cosa.

Io non sono assolutamente cattolico, ma se davvero quel Dio che tanto pregano esiste, mi auguro che gli riservi lo stesso trattamento che loro hanno usato verso quei poveri cani.

Qui il sito di Telenorba (che ha dato la notizia), selezionate il tg del 18 settembre ore 19.30

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

8 thoughts on “Spero che Caronte li possa ospitare quanto prima sulla sua zattera.”

  1. Non sono a casa, ma appena avrò nuovamente sotto mano il mio pc, pubblicherò l’estratto del telegiornale…

  2. Caro Larvotto condivido con te, mi sembra di capire, un grande amore per gli animali e un odio lacerante verso gli ignoranti, i bigotti e gli esseri a due zampe che ci fanno perdere -troppo spesso, forse- la fede nella bontà dell’uomo…*Barcellonese*

  3. Io ritengo che nessuno sia intervenuto semplicemente perchè nessuno ha ritenuto ci fosse motivo di intervenire. Qua non è questione di fanatismo religioso (assolutamente deprecabile), ma solo di menefreghismo, se possibile ancora più deprecabile. Che nessuno sia intervenuto a salvare i due poveri animali, giusto per quieto vivere, mi sembra una cosa vergognosa; che tutto questo sia avvenuto durante una processione religiosa (momento in cui gli ideali cattolici dovrebbero più che mai essere rispettati, e in questo caso si parla di rispetto ed amore nei confronti degli animali), mi pare ancora più grave.

Comments are closed.