Caro Amico Mio Culattone Aspettami

Vi state chiedendo che cosa vuole dire il titolo del post?
Ma Γ¨ molto semplice, ricordate la canzone “Funky Town” dei Lipps Inc?
Beh, quelle parole sono parte del testo, e se non ci credete cliccate qui sotto πŸ™‚

caro_amico_mio_culattone_aspettami

πŸ˜€

ps
L’immagine non c’entra con il post, ho semplicemente messo la parola “culattone” in google e tra le prime immagini c’era questa simpatica evoluzione di Ken πŸ™‚

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

14 thoughts on “Caro Amico Mio Culattone Aspettami”

  1. “Hai un dubbio che ti accora? Un problema che ti rode? Anche se non mi chiamo Iside Bartufoni e non abito sul raccordo anulare, una soluzione vedrò di trovarla.
    E allora, lascia un messaggio, manda una mail, telefonami, vieni a casa mia, farò qualsiasi cosa per aiutarti, qualsiasi cosa…”
    Chi ha scritto queste frasi? TU! Bene, ora tieni fede a quanto promesso e fai QUALSIASI cosa! Ma falla!
    P.S. Ma poi ci vai ancora alle terme di Colà? Che posto!

  2. ma è verooo dice proprio così… e se lo ascolti al contrario dice: “caro mio Ruini aspetto proprio te”…
    ; - )

  3. sarà, ma io faccio un pò fatica a interpretare caro amico mio culattone aspettami… e pensa che mi sono andato a rispolverare il mio bel 12″ di Funkytown e l’ho ascoltato almeno 7 volte….
    comunque.. che ken sia culattone, non avevo dubbi….
    p.s. ti ruberò il post : - )

  4. ho ascoltato e riascoltato il pezzo incriminato ma giuro che ho faticato a sentire quella roba lì. eppure culattone lo sono, quindi dovrebbero fischiarmi le orecchie.. mah!

  5. Ho sempre sospettato Ken fosse, in reltà, l’amico gay di Barbie.
    Google e i suoi algoritmi non si fregano. Si tratterà mica di Outing? πŸ™‚

  6. Io sento la frase chiaramente…
    Vi cito altri 2 esempi di “Pareidolia” rinntracciabili in altrettante 2 canzoni ’80s: “Another one bites the dust” dice chiaramente (per i romani sarà più facile) “Annamose a fà du toast!”; “Don’t stop ‘till you get enough” dice, invece: “Non ne posso più: m’acciacchi li piedi tu!”. Provare per credere…

  7. Dopo una pausa pseudo-etero negli anni ’80 e ’90, ken, da travestita sfranta che era negli anni ’70, ha finalmente acconsentito che i giornalisti lo fotografassero per le strade di Miami vestito come Miss Chi Chi..

Comments are closed.