Ismael Alvarez

Stavo facendo il solito giro sulla pagina di Ismael Alvarez, un giovanissimo disegnatore spagnolo (avete mai visto le sue tavole erotiche/pornografiche? No? Peggio per voi.) ed ho visto il disegno che ha pubblicato oggi nel suo blog.
Non riesco a recuperare il permalink, quindi andateci a fare un giro e cercate il post del 30 maggio.
Resto sempre stupito quando vedo immagini come quella, mi fanno pensare a quanto noi italiani siamo arretrati, ed a quanto invece, nel resto dell’europa, la lunga mano del vaticano non arrivi.

Per l’immagine completa cliccate qui 🙂

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

18 thoughts on “Ismael Alvarez”

  1. secondo me la procace giovincella davanti ha un bigolo grande così… non si spiegherebbe la bava alla bocca della povera Benedetta… larvotto, sei il meglio (o il peggio?)… un bacino
    (: - ))

  2. cge belle le immagini di sto tizio.. mi sono scaricato n pò di cosine dal suo sito.. troppo bravo.. sono quasi tentato di ordinarmi pure la magliettina… devo vedere con il mio tato, così ne prendiamo una ciascuno : - )

  3. davvero bravo! e io mi vorrei “scaricare” alcuni dei modelli che ha usato per le sue illustrazioni….mi manca il quarto per la briscola!!! ; - )

  4. Il pastore tedesco attacca gli omosessuali essendolo lui stesso, difendendo i pedofili travestiti da preti.

  5. Ismael è un grande, sono diversi anni che lo seguo, ma la cosa più divertente è andare in giro per il quartiere gay di Madrid e ritrovarsi in mano i fliers per le discoteche disegnati da lui… : - D
    Io comunque in groppa al Natzinger ci avrei messo un ragazzino, ci starebbe meglio…

  6. L’evoluzione di un paese dipende dal livello di umorismo in una vignetta zozza?
    O dalle s*****ate che si mettono in un blog?
    Come il tipo nel post precedente che si fa una sega.
    Questa è cultura!
    Che evoluzione! A che livello siamo! Che fortuna! Viva i ragazzi del 2007!
    P.S.
    Ma v********o, guarda con tutto il cuore.
    A Roma si dice: Va a morì ammazzato.
    Non trovo niente di meglio da dirti.

Comments are closed.