Senza fine

Non vorrei diventare monotematico, ma questa è troppo bella ๐Ÿ™‚
Un amico mi ha segnalato una pagina di Vanity Fair di fine agosto.
Nella scansione che mi ha inviato ci sono due articoli, uno più gustoso dell’altro.
Nel dubbio su quale pubblicare, ho deciso di metterli entrambi.
Iniziamo con questo.

Che ve ne pare?
Forse sembra a me, però questa ostentazione del lusso mal si addice ad un Papa, messo addirittura in lizza per il titolo con Beckham e Montezemolo.
Lo trovo così lontano da quello che predica.
Particolare non meno esilarante, le due foto che hanno usato.
Nella prima ha gli occhiali stile Matrix e nella seconda gli manca la maglietta a righe per essere uguale a Freddy Kruger ๐Ÿ˜€

Quest’altro articolo poi non è meno inquietante.
No dico, va bene essere cattotecnologici, ma addirittura le cuffiette con la croce.

Dio è diventato un business.

(fonte: Vanity fair)

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

7 thoughts on “Senza fine”

  1. non è che è diventanto un Business…è che lo hanno sempre usato con questo scopo però ultimamente avevano perso terreno rispetto alle nuove tecnologie

  2. devo subito studiare un programmino per l’ipod che ogni volta che si fa click sopra “ave maria” parta invece la “dannunziata” degli squallor

  3. Si addice a un papa, ma del ‘600. Io me li sono sempre immaginati più o meno così i papi descritti nei libri di storia. Nonostante il carattere di questo tedesco, pare che la folla di fedeli aumenti sempre di più, ingrossando anche le casse del Vaticano (vedi l’Espresso di qualche settimana fa). E dopo l’aereo charter per i pellegrinaggi…

  4. Mah, da un mio amico che lavora a Londra mi ha riferito ch eha sentito una suora che affermava che il papa è l’ attuale stylist di Roisin Murphy …si si , è stato lui a consigliarle l’ outfit di Gareth Pugh.

Comments are closed.