I soliti auguri del cazzo

A natale siamo tutti più buoni, nelle città ci sono più luci e nei negozi i prezzi sono tutti più alti.
Ma chi se ne frega, avremo tempo a gennaio per piangere.

Intanto preoccupiamoci di riempire bene la pancia, ingozziamoci di panettoni, cerchiamo inutili pensierini da regalare agli amici, apriamo colorati pacchettini con dentro cose che, alla meglio, dimenticheremo in un cassetto, laviamoci la coscienza donando qualche spicciolo ai soliti bambini che da anni muoiono di fame, sfoggiamo mutande nuove, affolliamo centri commerciali pieni di colorate tentazioni, spintoniamoci in città piene di inquietanti babbi natale impiccati e perdiamoci nel più classico tra i leit-motiv di fine dicembre “cosa farai per l’ultimo?”.
Io, molto probabilmente, quello che faccio anche tutto il resto dell’anno.

L’atmosfera natalizia è peggio dello smog, ti entra dentro e quasi non ti fa respirare, e c’è talmente tanta confusione che quasi non si riesce nemmeno a capire cosa si festeggia… ah sì, la favoletta del comunista extracomunitario figlio di madre vergine, nato in una grotta  riscaldata biologicamente ed illuminata da una cometa (molto new age), capace di camminare sulle acque, di moltiplicare i pani, i pesci e di trasformare l’acqua in vino, ridare la vista ai non vedenti, guarire i lebbrosi, far risorgere i morti e, soprattutto, far campare nel lusso sfrenato uomini in gonna per più di 2000 anni, questo si che è un vero miracolo.

Voglio però anche io, come tanti in questi giorni, concludere mandando a tutti quanti i miei soliti auguri del cazzo.
Li trovate qui.

Sinceramente, Buone Feste.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

9 thoughts on “I soliti auguri del cazzo”

  1. Mi sbaglierò, sono abbastanza ignorante sul natale anche perchè non mi è mai interessato come argomento. Credo che sia più sentita nel nord Europa, qui in Italia è un condensato di festa cristiana/consumista del “Dovere anche se non si ha voglia”…insomma un altro lavoro non retribuito.
    Sarebbe bello fare un contest delle cartoline natalizie più oscene, intanto ne sto preparando una anche per il mio blog che non hai linkato, slessa ;).

  2. Sarà che vivo un pò fuori dal mondo e quindi l’atmosfera natalizia quasi non la sento, però a me il Natale piace… Tanti auguri! :)))

  3. Auguri del c**o anche a te Larvo.
    Spero per te che ti sia caduta qualche goccia di cera mentre ti facevano le foto, e chiaramente aspetto di fare gli auguri anche all’altra parte della tua “personalità”!
    Mai un foto del tuo cu**tto!
    Poni subito rimedio! ; - )
    FGT

Comments are closed.