Gay di tutto il mondo, è arrivato il nostro momento!

Vi siete mai innamorati di un eterosessuale?
Avete mai sognato di essere al posto di una velina per passare una notte con quel calciatore tutto maschio?
La vostra migliore amica ha trovato un ragazzo che farebbe proprio al caso vostro?
Siete stanchi di sentirvi chiamare “diversi”?

Gioia e gaudio amici miei, la soluzione arriva dallo spazio!

Del misterioso meteorite che, nel settembre 2007, ha provocato una strana epidemia in un paesello de Perù ne avete sentito parlare?
Basta fare un giretto su google per trovare mille foto e video.

La cosa interessante però è quello che hanno scoperto alcuni ricercatori del laboratorio di biologia molecolare di Heidelberg!

Analizzando il campione caduto dallo spazio hanno scoperto che contiene tracce di “non-ho-ben-capito-cazzo-cosa”, una sostanza che, dai primi esperimenti sui topi, ha dato risultati favolosi!
Praticamente i topini sono diventati tutti gay!

Incrociamo tutti le dita! Molto presto la soluzione ai nostri problemi potremo comprarla in farmacia!
Un favoloso spray frocizzante che, con una sola spruzzata, farà diventare realtà il motto delle suore: i maschi con i maschi e le femmine con le femmine!

Vuoi vedere che lassù c’è davvero qualcuno che ci ama? 😀

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

15 thoughts on “Gay di tutto il mondo, è arrivato il nostro momento!”

  1. Mi chiedevo… chissà con quanta doverosa cautela verranno maneggiate queste sostanze nel laboratorio… una provetta caduta a terra provocherebbe un’ecatombe.

  2. …ci sara’ mica anche l’unguento?
    ….una spalmata e via!
    …correrei per la strada ad “ungere” chi dico io!:D

  3. giuro che la prima cosa che mi ha fatto venire in mente questo post è stata “toh, la versione gaya del vecchio i-fix-tchen-tchen dell’alieno strombazzatore Gabriel Pontello di Supermaskio” 😀 😀 😀

  4. l’han trovato nel Perù, no? Beh, da orgoglioso esperto di trash, io la canzone “Laggiù nel Perù” del grande maestro Leo di Sanfelice (quello di “voglio fare la modella” per capirci) ce l’avevo da anni 😀

    ah, quanto sono avanti 😛

  5. @danieie: una scena stile Resident Evil? 😀

    @bellobello: spry è più comodo 😉

    @MaD: resto dell’idea che lo spry è meglio 😉

    @luca: ma certo, come ogni prodotto che si rispetti 🙂

    @gattopesce: il fumetto si chiamava SUPERSEX! lo so perché mi ci segav… ehm, lo leggevo sempre 🙂

    @jack: mi manca… merita come canzone? 🙂

    @mrcl: mmm… non avevo considerato questo particolare 🙂

  6. Sembra la solita bufala. Da una veloce ricerca non mi risulta alcun articolo scientifico aull’argomento.
    Da quel che mi risulta non esiste neanche nessun professor Thomas Heidrich né alcun professor Alexander Thalheim (nominati nell’articolo di libero.it) che abbiamo pubblicato articoli scientifici.
    Digitando su Google “Nome Cognome” di qualche ricercatore dovrebbero apparire alcuni dei suoi articoli scientifici pubblicati.
    Per esempio, se digito il nome e cognome del mio ex moroso, biologo ricercatore, appaiono subito nella prima pagina articoli scientifici con il suo nome.
    Andando sul sito dell’istituto http://www-db.embl.de in cui (secondo l’articolo) dovrebbero lavorare i ricercatori e facendo una ricerca con i loro cognomi non appare alcun risultato, né nella sede di Hamburg, né in quella di Heideberg.
    Forse è il caso che qualcuno perda un po’ di tempo a chiedere alla redazione dove hanno reperito la notizia, gli indirizzi dei ricercatori in questione, o almeno di fornire l’indicazione della pubblicazione scientifica su cui sono stati pubblicati i risultati della ricerca in questione.
    Non risponderanno perché certamente è una bufala pazzesca.

  7. Io ho mandato una email per chiedere chiarimenti all’indirizzo della redazione che ha pubblicato l’articolo (contatti@affaritaliani.it)
    E vediamo se rispondomo (seeee… Figuriamoci).

    — email inviata —

    In merito al vostro articolo
    “Gli omosessuali arrivano dallo spazio?”
    pubblicato Domenica ­ 30.03.2008 08:45
    all’indirizzo:
    http://www.canali-libero.co.nr/affaritaliani/cronache/omosessualidallospazio.htm
    Desidererei conoscere la fonte, in quanto da una ricerca sul sito dell’istituto EMBL citato nell’articolo (http://www.embl-heidelberg.de) i professori Thomas Heidrich e Alexander Thalheim (sempre citati nell’articolo) non risultano esistere.
    Da una veloce ricerca non sembra esistere neanche alcun articolo scientifico correlato a questi nomi.
    Probabilmente si tratterà di un banale errore ortografico nella trascrizione dei nomi. Vi prego quindi di fornirmi la fonte da cui avete attinto la notizia, in modo da poterne verificare la veridicità.
    Ringraziandovi anticipatamente, cordialmente vi saluto.

Comments are closed.