Dio maglietta?

maialino.jpg

Io di bestemmie me ne intendo, potrei tenere corsi di blasfemia all’università e ieri ho dato molte dimostrazioni delle mie qualità.
Ho iniziato la giornata con la dichiarazione dei redditi che, nel mio caso, avrebbe potuto concludersi con una conversazione stile aeroporto:
”qualcosa da dichiarare?”
“no, niente”
“bene, arrivederci”
Invece no, mi hanno fatto un sacco di domande ed ho scoperto tante cose.
Ad esempio che ho perso circa 3000 euro (e qui partono le prime odi ai santi) perché, quello che mi ha venduto la casa, non mi ha detto che acquistando il garage con un iter a parte, iter che non so e non ho voluto sapere, avrei avuto indietro circa il 35% del suo valore.
La signorina era molto stupita da fatto che io non lo sapessi.
In effetti è molto strano, io compro case ogni settimana e queste cose per me sono all’ordine del giorno.
Poi, per continuare, ho scoperto che quel ladro autorizzato del notaio non mi ha dato alcuni incartamenti e, quando gli ho telefonato “leggermente” irritato, la segretaria mi ha detto tutta squillante che “Si! Ce li abbiamo noi! Venga pure a prenderli quando vuole”.
Ma cazzo! Con tutti i soldi che vi ho dato non vi avanzavano 50 centesimi per uno straccio di lettera? Me lo sogno io che avete ancora dei documenti?

La giornata è continuata poi con tutta un’altra serie di soldi che, dal mio portafoglio, iniziavano a migrare verso altri luoghi, tutti dai nomi esotici tipo “bollo auto” oppure “tassa rifiuti” e stamattina ci sarà un ulteriore momento magico: ho un appuntamento con il mio assicuratore che, in cambio di 500 euro, mi darà un quadratino giallo da mettere in macchina. Un vero affare!

Insomma, grazie all’intensa giornata di ieri, più di una volta ho gridato i nomi di “grossi animali da fattoria” subito seguiti dai nomi dei santi.
Ho chiamato in appello tutti i pezzi grossi del paradiso, maschi, femmine e trisessuali, ed ho raggiunto momenti sublimi mescolando nomi ed animali con risultati spettacolari.

Una cosa però ho evitato di dirla “dio maglietta!”, bestemmie come queste sono troppo anche per me.
Come dite? Vi sembra una imprecazione inusuale?
Eppure è riportata anche in questa sorta di dizionario delle imprecazioni.
L’avete vista?
E’ subito prima di “dio cantante” 😀

9 risposte a “Dio maglietta?”

  1. 😀 il dizionario dell’imprecazione è fantastico!!!
    la tua giornata un po’ meno, ma… pensa a me: ti sentirai subito molto meno sfiguz. credimi. 😉
    baciottoli

  2. Larvó, come ti capisco….il ripassimo al calendario l’ho fatto io domenica seguendo le partite. Da Antonio Abate a Zaccaria Martire (esisterà? Mah, io l’ho invocato lo stesso) è stato tutto un fiorire. A confessarci, andiamo….anzi no, io non posso, ,manco ho fatto la comunione! 🙂 PS Coraggio, fra un po’ inizierò io a scucire e le mie urla attraverseranno i Pirenei….

  3. direi niente male come giornata..
    ma non ti preoccupare perchè ci saranno anche gg peggiori..
    Porcaccio… _ _ _ …!!! (spero per te di no..)

  4. chi bestemmia dovrebbe venire incarcerato! ti rendi conto? offendere i valori di molte persone in questo modo? cosa ho fatto di male, io che sono credente, da meritare di sentire e leggere le tue bestemmie verso Dio, mio padre? tzè….. gentaglia

I commenti sono chiusi