Paris la Nuit

Sono a Parigi, città di suoni, colori, fiori, monumenti e cagate di cane anche a colazione.

Oggi sono stato ad eurodisney, un posto da visitare dopo aver preso un acido oppure dopo aver fumato un purino di maria. Ho ancora nelle orecchie le canzoncine ipnotiche.

Parigi é cara, costa tutto un sacco ed io sono un morto di fame.

Sono nell’internet point dell’albergo: gmail non si apre e non riesco a controllare la posta; 30 minuti di connessione mi sono costati come una cena al giapponese (sono molto gradite le collette di supporto 🙂 ); la tastiere, vaccamaialaputtana, hanno tutte le lettere in posti diversi e ci sto mettendo un’ora per scrivere due cagate.

Un bacio a tutti, appena arrivo a casa ci saranno aggiornamenti…

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

26 thoughts on “Paris la Nuit”

  1. EVVVVVAAAAIIII……!!!!!!! STUPENDO!! Sopravviverai anche alla “vecchia” Paris..!!
    ..e io che Ti pensavo felice e gongolante nel castello di Cenerentola..!! ..meglio Pigalle..!! vacci subito!! XXXLK

  2. Parigi è bellissima soprattutto se vai con l’Amore 🙂
    Costa un botto lo so, ci sn stato a luglio scorso
    Torna presto, ci manchiiii

    Ps: ci hanno trombato il trombiblog mi sa…

  3. un bacio pavesino al larvotto parigino! io continuo a macinare esami, mentre tu te la godi tra cenerentola e le sue sorellastre… posso odiarti un pochino?? solo un pochino, dai.. ?!
    smack!!!
    L

  4. Dai ammettilo, che il rincretinimento generale che subisci ad EuroDisney è bellissimoooooo (detto con la o che cade ad eco). Attento a non abbracciare pluto che dentro c’è Mauro, il biondo inutile degli 883!

  5. io vado 2 volte l’anno…non è tanto più cara di qui però O_O; anche se ad eurodisney non ci sono mai stato…se riesci vai al parco del castello di vaux le vicomte è bellissimissimissimo
    Nouvelle Cuisine Les Champs-Elysées Maurice Chevalier Les poissons, les poissons Moi j’adore les poissons Les couper Les tronçonner à vif J’aime leur trancher la tête Et dépiauter la bête Mais oui, c’est toujours un délice Les poissons, les poissons,
    oddio mi sono disneyzzato 😉

  6. Adoro Parigi! Buon divertimento. Lo avessi saputo ti avrei fatto una lista dei posti dove andare e dove spendere poco e bene! (tipo gli Internet Point)

  7. Vai da Sapporro, 1bis rue Daunou métro Opéra e mangi per 10 € come un re.
    Ci sono tanti posti non cari ma se vai nei quartieri turistici non li trovi mica…
    e nei parchi di Parigi c’è il wifi gratis, anche in parecchi caffè, dovevi portari il notebook 🙂

  8. Dico, proferisco, sentenzio che Parigi non è affatto cara. Devi sapere dove andare. E rinunciare a tutto ciò che è acchiappaturisti.
    Io ci sono stato quasi una decina di volte e oramai ho trovato i miei “spazi” e ogni volta spendo relativamente poco. Prossimo giro a ottobre.
    :-))
    Ciao
    Pax

  9. Mi accodo a chi ti dice che Parigi non è per forza cara, basta stare lontani dai locali per turisti: io ci ho vissuto sei mesi e sopravvivevo alla grande! Certo, le canzoncine Disney che ti riecheggiano tra le orecchie per tutta la notte no, quelle non c’è modo di evitarle… Poi passa, tranquillo.

  10. larvy, non so quanto ti tratterrai a parigi, comunque sappi che il 26 giugno a Reggio Emilia all’Arena Estiva ore 21,45 è in programmazioe IMPROVVISAMENTE L’INVERNO SCORSO! non mancare, mi raccomando… poi voglio una tua recensione! un bacino
    (:-))

  11. p.s. ricordqti che sullq tqstierq frqncese lq q e lq a sono invertite trq di loro, lq ; è ql posto del punto e virgolq, lq w ql posto dellq w (es. porcq wowwa) 🙂

  12. Ma Parigi non è cara, almeno non meno di Milano e Roma.
    Certo che sei vai in certi posti mangia turisti..
    L’importante è non prendere il caffè: costa un sacco e fa schifo!

Comments are closed.