Ehi, pronto ci sei, è con te che starei…

Primo quadro:
Io ed il telefonino abbiamo sempre avuto un rapporto di amore/odio.
Ho controllato il registro chiamate degli ultimi due anni e, facendo alcune somme tra le telefonate fatte e ricevute, il risultato che si ottiene è impressionante.
Praticamente ho passato più di un mese attaccato al telefono.
Negli ultimi tempi poi, giusto per complicare ulteriormente le cose, mi hanno regalato un blackberry ed il risultato è stato che, in meno di una settimana, sono diventato schiavo del push.

Secondo quadro:
Visto che le tariffe telefoniche da ottobre subiranno un notevole aumento, ho raccolto tutte le schede  dei miei familiari (che sono tutte a mio nome) ed ho fatto su tutte la portabilità verso il gestore telefonico di un noto supermercato.
Le tariffe sono buone.
Chiamate verso tutti a 12 cent, con scatto alla risposta di 12 cent e gli sms a 12 cent.
In più, tutti i numeri di questo operatore virtuale si chiameranno tra loro a 6 cent al minuto, con scatto alla risposta di 6 cent.
Gli mms sono più cari, ma visto che praticamente loro non se ne mandano mai, va benissimo così.

A questo punto mi pongo una qualche domanda.

– Gli operatori su cui si appoggiano i supermercati sono vodafone, tim oppure wind.
Nonostante le tariffe siano notevolmente più basse, ci guadagnano sia i supermercati che i gestori telefonici.
Ma quanto cazzo di rincaro hanno sulle telefonate?

– Sul mio numero di cellulare (che non è legato ad un operatore virtuale) ho attivato la promozione legata al blackberry e, con 9 euro al mese, ho un tot di traffico dati da utilizzare.
Praticamente, per chi non lo sapesse, con il sistema push, quando qualcuno mi invia una mail, prima che questa appaia sulla mia casella di posta, arriva sul mio blackberry.
Insomma, dietro pagamento di un’accettabile canone mensile, ci si può scambiare un enorme numero di mail in tempo reale (non sms con 160 caratteri badate bene), volendo anche con allegati.
Detto questo, non vi sembra un’assurdità pagare 15 centesimi un sms oppure 50 centesimi per un mms?

Ed ora l’inutile domandone.
Quanti di voi riuscirebbero a rinunciare al cellulare?

Io ho fatto meno fatica quando ho smesso di fumare 🙁

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

12 thoughts on “Ehi, pronto ci sei, è con te che starei…”

  1. CoopVoce? 😀
    L’ha fatto mio babbo, e devo decidermi anche io a migrare (sono infatti l’unico utente in Italia ad avere ancora Wind, vorrei ricordare che Aldo Giovanni e Giacomo sopravvivono grazie a me).

    Da qualche parte avevo letto che il costo EFFETTIVO di un sms è una roba esigua, quasi incalcolabile. I 15 centesimi sono un furto e si è sempre saputo, purtroppo 🙁

  2. Io ho la 3 ma per me è una fregatura, tanto che la sconsiglio a tutti quelli che conosco.

    Detto questo vorrei dire che i cellulari sono cancerogeni ma ancora non vogliamo vedere la realtà in faccia.

  3. Ma la mia domanda è: dopo l’entusiasmo iniziale, state sempre usando l’Iphone al pieno delle sue funzionalità? Oppure già vi siete stufati e lo usate solo come telefono ed mp3 player?

  4. La voce “effettiva” di costo su chiamate e sms, riguarda principalmente il traffico diretto verso numeri di gestori concorrenti (i famosi “costi di terminazione”, fissati dall’Agcom e suscettibili di variazioni in base agli accordi stipulati tra i gestori stessi); il traffico “on net” (quello generato tra numerazioni appartenenti allo stesso gestore), invece, non gli costa praticamente una cippalippa.
    La differenza tra queste due voci – in modo molto approssimativo ma sufficientemente chiaro per chi è a digiuno della materia – rappresenta il loro vero guadagno (immane), a cui si aggiunge quello dei famigerati “scatti alla risposta” (un’altra rapina a volto scoperto).
    I gestori virtuali – che non hanno minimamente scalfito la concorrenza, come del resto era prevedibile – sono pertanto allineati a questa “filosofia”, non avendo strutture e reti proprie.
    Se tutti usassero il cellulare solo nei casi di reale necessità, oggi la situazione sarebbe sicuramente molto più favorevole nei confronti dei clienti/utenti e sarebbero le varie Tim, Vodafogne e compagnia cantante a supplicarci di telefonare, coprendoci di sconti e promozioni varie.
    Considerando, poi, il livello davvero mediocre (per non dire di bassa lega) della stragrande maggioranza delle telefonate che sono costretto a subire quotidianamente (conversazioni idiote che potrebbero essere comodamente fatte da casa a costi peraltro notevolmente inferiori, gente che non parla sommessamente ma “urla” – anche i cazzi propri – e così via) durante i miei spostamenti sui mezzi pubblici, sono sempre più convinto che i gestori facciano bene a spremere gli italiani. 😛
    Fosse per me, farei pagare le telefonate quanto un litro di benzina… 😀

  5. io spesso e volentieri il cellulare lo dimentico a casa o spento, non ho voluto il cellulare aziendale che mi “spetterebbe” per qualifica (mica son scemo, poi così si sentono tutti autorizzati a chiamarmi a qualsiasi ora del giorno o della notte, considerati pure i fusi orari e il fatto che ho colleghi ben spalmati su tutti e 24 i fusi), quando mi arriva un sms rispondo quando mi ricordo (lo ammetto), di mms ne avrò mandati tre in tutta la mia vita (preferisco email), il mio cellulare è un modello cenozoico progettato dal Dr. Wurf di Neander e va benissimo così. si vede che lavoro per una grandissima azienda produttrice di impianti per le telecomunicazioni?

  6. 1) Io E il telefonino abbiamo sempre avuto un rapporto
    2) visto che praticamente non se ne INVIANO mai, va benissimo così.
    3) Gli operatori AI QUALI si appoggiano i supermercati
    4) ci guadagnano sia i supermercati SIA i gestori telefonici.
    5) quando qualcuno mi invia una mail, prima che ESSA appaia NELLA mia casella di posta
    6) dietro pagamento di UN accettabile canone mensile
    7) pagare 15 centesimi un sms oppure 50 centesimi UN mms

  7. @joshuavox: Solo a nominarla wind mi fa venire la pelledoca 🙁

    @Simo: No beh, non ho MAI sentito un utente 3 soddisfatto 🙁

    @Gianluca: a volte credo sia vero 🙂

    @Camu: Il mio ragazzo ha l’iPhone ed è molto soddisfatto… io ho un blackberry usatissimo e va bene 😀

    @jocksock: sai qual’è il trucco? che molto spesso una telefonata costa di più di un litro di benzina 🙁

    @wikidaiva: Gretina 🙂

    @Gattopesce: mio eroe! 🙂

    @La Grammatica: si, infatti

  8. In effetti, volevo dire “farei pagare al minuto il costo equivalente a un litro di benzina”.
    E’ stato “un errore di sbaglio”… Mi perdoni??? 😉

  9. Amour, sfondi una PORCA aperta!
    Io, felice ed ebete utilizzatrice di Lìfone da dicembre 2007 ho potuto sguazzare col servizio push solo a luglio, quando il telefono è approdato in Italia (e quando il MobileMe è diventato effettivamente push).
    Ho fatto giusto giusto il tuo stesso ragionamento per le schede del telefono, ma il risultato è stato un cicinin diverso. Mesi e mesi di riflessioni mi hanno portato ad attivare una sim di 3, e se i calcoli mi danno ragione, dovrei riuscire a spendere dai 10 ai 20 euro al massimo al mese, compresi i 9 euro di navigazione per i servizi internet (e quindi push). Io: puttana calcolatrice 😀

Comments are closed.