Il meraviglioso mondo dei plugin!

Amici, ma che soddisfazioni!
Oggi pomeriggio lo spirito di un webmaster si è impossessato di me, ho sentito il mio corpo tremare, le mani hanno iniziato a battere freneticamente sui tasti, digitavo stringhe di codice complicatissime, compilavo tabelle e mi inventavo degli script sfiziosissimi.
Ovviamente tutto questo a computer spento, perché io di programmazione non ne capisco una mazza. Lo facevo solo per darmi un tono.

Però, giusto per soddisfare la parte di me che si sentiva “contadino informatico che compila campi”, ho deciso di cercare qualche nuovo plugin per il mio blog.
Qualcosa di facile facile insomma e, tra i tanti, ho scelto StatPress!
Il tutto è stato molto veloce e non mi ha nemmeno richiesto la chiave Api.
Ha varie cosine interessanti, ti fa vedere in quanti ti leggono via feed, quanti spider visitano il tuo blog, i visitatori, le pagine viste e, ovviamente, le chiavi di ricerca!
Beh, volete sapere qual è stata la prima parola che ha condotto un ignaro visitatore al mio blog?
La prima parola è stata “nonne”.
La ricerca è stata fatta su yahoo, ma la cosa più divertente sono i suggerimenti subito sotto.
Li trovate qui.
No dico, ma avete visto cos’altro suggeriscono agli utenti che digitano “nonne”?
C’è da aver paura.

Dopo qualche minuto ho riaperto la pagina, volevo vedere quale altra perla mi avrebbe regalato il mio nuovo StatPress, e devo dire che anche con la seconda parola il risultato è stato tristissimo: “onli adult”.
Onli?
Ma dico io…

E’ un peccato non sapere chi è l’autore di questa intelligente ricerca, andrei di corsa a casa sua, lo legherei alla sedia e lo costringerei a guardare filmati con nonne arrapate, nonne che scopano e nonne in calore per una settimana a fila.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

11 thoughts on “Il meraviglioso mondo dei plugin!”

  1. Io pubblico periodicamente le parole con cui la gente arriva sul mio sito, c’è davvero da divertirsi! Ma perché invece di StatPress non utilizzi Google Analytics? (si para il volto con le mani presagendo una pioggia di schiaffi ed insulti)

  2. “Nonne che scopano” si presta ad una doppia lettura, magari ci sono persone interessate a sapere qualche segreto casalingo per le pulizie…

    Su, su internet non è quel covo di pervertiti che sembra…e per rendersene conto basta leggere i commenti che lasciano i maschietti alle ragazze su myspace..e non parlo solo delle ragazze carine, ma di ogni genere di vertebrato di sesso femminile…
    E pure lì ci sarebbe prendere ogni singola frase e riportarla su carta, verrebbe una collezione da almeno 30 tomi.

  3. @Camu: Si, avolte sono irresistibili 🙂
    Ma dimmi di google… ti giuro, niente schiaffi. Sono curioso 😀

    @claudioRM: da me tira molto la fica, sia bagnata che sfondata 😀

    @simone: ecco, questa è una domanda interessante… perché? 🙁

    @Simo: La figa è un articolo che va ancora alla grande 🙂

  4. Allora, se hai un account GMail, il peggio è già fatto. Iscriviti qui: http://www.google.com/analytics/it-IT/ e poi copia e incolla il pezzettino di codice HTML (se hai bisogno di una mano, scrivimi, carissimo) che ti danno, nel tuo tema wordpress. Dopo qualche giorno, avrai a disposizione tutta la “potenza” di Google per le tue statistiche, e potrai vedere ogni singolo dettaglio dei tuoi visitatori: da dove vengono, dove cliccano, le parole chiave, ecc. La vera differenza con il metodo che usi ora, è che non appesantisci il tuo server (il database) visto che ora deve tenere in memoria tutti i tuoi accessi: passando la palla a Google, li conserveranno loro per te!

  5. se preferisci li conservo io invece, mi armo di carta e penna e tengo nota di tutto quanto. Diversamente non saprei come altro fare, adesso prendo dal giardino la Bouldermobile e vado a caccia di dinosauri per la cena, arvdse stame bìn

  6. @camu: mmm… adesso ci provo, tu preparati che se non ci salto fuori ti vengo a scocciare 🙂

    @ranokkio: Ma favoloso, praticamente uno strumento per le statistiche umano 😀

    @disorder: adesso vedo 🙂

Comments are closed.