Un paese di buffoni

Ho appena letto questa notizia.

Il primo che mi dice che è una buona idea lo mando a cagare.
Se poi qualcuno tira fuori la storia che è importante un momento di preghiera, giro gli occhi all’indietro, inizio a schiumare come l’esorcista e scarico un calo di bestemmie che, al confronto, Germano Mosconi ha la stessa classe della Natalja Makarova.

Una cappella in un centro commerciale?
Praticamente come un distributore di coca-cola in una chiesa.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

17 thoughts on “Un paese di buffoni”

  1. Di fatto la chiesa è sempre stata una multinazionale. Una cappella in un centro commerciale lo mostrerebbe solo un poco di più.

  2. Sarà una comodità in più per i mafiosi che vanno a riscuotere il pizzo dai negozianti. Poi, dopo la riscossione, dato che son tutti estremamente religiosi, vanno a farsi perdonare e tornano a casa. Una specie di lavanderia a gettoni…

  3. Non è una buona idea, ma non la trovo stranissima.
    Se c’è una cappella negli aeroporti (e spiegatemi voi che ci azzecca chiesa-aeroporto) perchè non deve esserci in un centro commarciale?
    C’è da sperare solo che non mollino suore e scout a elemosinare tra gli scaffali. Questo si che è male.

  4. Si. Azzeccato il titolo “Un Paese di buffoni”
    sarebbe meglio trovare altre “cappelle” nei centri commerciali…

  5. E’ una cosa già vista. Poi non obbligano nessuno ad andarci.
    Ti ricordo che i musulmani pregano 5 volte al giorno, dove capita, sempre in direzione della Mecca. Manda a cagare anche loro, allora. Manda a cagare tutti quelli che pregano. Il fatto che tu non ci credi non vuol dire che:
    1- Non esista
    2- Gli altri non abbiano diritto a fare le loro scelte.

    Vuoi vedere qualcosa di agghiacciante?

    QUESTO è agghiacciante. E sicuramente più sintomatico di un tumore all’ultimo stadio nel nostro paese.

    http://tv.repubblica.it/piu-visti/settimana/napoli-spari-in-diretta/27832?video

  6. Infatti e’ una boiata bella e buona.

    Ma poi sto sindaco Giuseppe Buzzanca sara’ imparentato col mitico aldo, l’ex-attore di pellicole di serie b ?

    Cio’ detto non mi preoccuperei piu’ di tanto, la cosa non credo possa prendere piede ti basti osservare il fatto che

    1)

    2) Si renderanno ben presto conto che non ha assolutamente senso l’intera operazione perche’ un supermarket e’ un posto affollato e rumoroso

    3) oltre al rumore ed al resto il supermarket e’ tipicamente un luogo di transito .. al massimo ci rimani una decina di minuti oltre al tempo perso in coda alle casse (che non e’ mai piacevole).. non c’e’ ne’ tempo ne voglia di perdere altri minuti preziosi in un’ assurda e surreale cappelletta di plastica e cartongesso dentro il supermercato.

    4) Quando si vuole meditare e pregare per davvero lo si fa con la dovuta calma e concentrazione nei luoghi preposti per questo, vale a dire in una chiesa vera.. non al supermarket.

    Non so voi ma a me sembra oltre che inutile anche una cosa vagamente inappropriata e irrispettosa… quasi una banalizzazione della preghiera, della meditazione, etc. al prossimo giro.. cosa facciamo.. mettiamo una cappella al McDonald.. magari affianco alle latrine cosi prima di pisciare.. non sia mai ci viene voglia di raccoglierci in profonda meditazione.

  7. @ DavideJ

    La chiesa all’interno dell’aeroporto e’ tutt’altra storia… l’aeroporto infatti e’ luogo in cui si sosta a lungo anche per molte ore o addirittura intere giornate in alcuni casi in attesa di voli di corrispondenza. Inoltre l’aeroporto e’ nella massima parte dei casi una struttura sempre aperta 24/7 giorno e notte ed oltre ai passeggeri ospita una quantita’ enorme di staff che nell’aeroporto lavora sia il personale di terra che viaggiante, la sicurezza, i servizi amministrativi etc.

    E’ naturale che tra tutta questa popolazone fissa piu’ di qualcuno usi anche la chiesa, oltre ai tantissimi altri servizi presenti.. e da ultimo non dimenticare che anche per i passeggeri in attesa prima di un volo intercontinentale alle volte fa bene fermarsi in preghiera o raccomandarsi a nostro signore prima del volo.. io non mi vergogno a dirti che alle volte mi sono fermato a pregare in aeroporto soprattutto quando hai da passare intere ore prima del volo successivo e quasi sempre ho trovato anche altre persone in chiesa, poi le chiese negli aeroporti hanno qualcosa di unico, hanno un carattere realmente universale chi si ferma in preghiera li’ arriva da migliaia di chilometri lontano ed in poche ore sara’ nuovamente in un altro paese.

    ciao

  8. Gesù aveva considerato i mercanti nel tempio (e non gli erano piaciuti molto), ma il tempio dai mercanti non credo rientrasse nemmeno tra le possibilità

  9. Anche io devo ammettere che la storia della cappella mi aveva incuriosito, ci ho messo un po’ per realizzare….
    Cosa pretendete di lunedì mattina???

    Non so cosa dire, mi piacerebbe fossimo liberi e tolleranti,
    ben venga la chiesa e anche il tempio, la moschea
    magari vicino alla salumeria e al sexy-shop…….

    ve la immaginate Suor Francesca che sbaglia entrata??
    (io si!!)

    E poi mi piacerebbe entrare e chiedere a al parroco:
    “mi scusi è qui che fanno la conferenza sull’orgasmo collettivo simultaneo???”

  10. E poi vorrei anche il cimitero dentro il centro commerciale…

    Quello sì sarebbe comodo (infatti è un pezzo che non passo a salutare il nonno)

Comments are closed.