Have thoughts to share?

Write your response

17 thoughts on “Microsoft Songsmith?”

  1. UAH!UAH! Pura R-tardness americana all’ennesima potenza. Però esilarante, soprattutto quando la piccola starlette dello spot chiama la cula canterina “dad” (traditissimo quando solleva la tazza e dice “come up with zzzomething today”, in una profusione di invisibile chiffon). E’ tutto orrendo: dal prodotto, al concetto dello spot, alla recitazione. E che cacchio deve pubblicizzare lui, dei “glow in the dark towels”, dei tovaglioli fosforescenti?

  2. Poracci 🙂 però è bello vivere in un musical ogni tanto! ovviamente non c’è bisogno del software, ma solo di TANDA FANDASìA… una volta in Università con un mio amico melomane abbiamo improvvisato un’operetta nei corridoi di Lingue straniere… io facevo la soprano 😛

  3. Beh .. mettendo insieme gli ultimi due post .. potresti scaricarti aggratis codesto Songsmith .. e dare via libera alla tua creativita’.
    Pensa potresti anche fare il re-make by Larvotto della canzone di Povia riveduta e corretta …

  4. Bella la pubblicità di un prodotto microsoft clone venuto male di Garage Band di Apple… oltretutto su un macbook pro 😀

    Non si smentiscono mai!

  5. Peraltro nel video ci sono anche due riferimenti nemmeno tanto ‘nascosti’ a Starbucks .. secondo voi pagano per fare surrettiziamente questa pubblicita’ nello spot della microsoft ?

  6. @ Darko: tuuuu l’ho notato pure io!

    Ma che trashata assurda! Puntano sul fatto che la pubblicità è volutamente kitsch per far parlare di un prodotto che Apple integra da anni nelle sue macchine???

  7. uh che cattivi, se ci pensate un attimo il creativo che l’ha ideato è un vero genio: è il miglior spot a favore di GarageBand che si potesse immaginare….

  8. Diciamo solo che il “papà” gay era contentissimo di rubare il pc con tutte le stelline colorate alla figlia!

Comments are closed.