Le SS erano un gruppo di simpaticoni

benedetto

Il vostro papa ha riabilitato oggi ufficialmente Richard Williamson, un vescovo tradizionalista che nega la realtà storica dell’Olocausto.

Del signor Richard Williamson voglio segnalare una frase molto significativa: “solo 300mila ebrei al massimo morirono nei campi di concentramento nazisti, e non 6 milioni“.
Solo 300mila?
SOLO?
Ma al vescovo Richard Williamson 300mila ebrei gli sembrano pochi?

In ogni caso questa baggianata è inaccettabile ed il voler cancellare malamente quello che è successo è quanto di più spregevole si possa fare.

Qui la notizia completa (reuters)

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

13 thoughts on “Le SS erano un gruppo di simpaticoni”

  1. Aehm… larvo8, qui pero si batte la fiacca.. mi commenti questa ntrizia che daccordo ha anche la sua rilevanza nessuno lo mtt

  2. Larvo8, qui pero’ si batte la fiacca.. mi commenti questa ntrizia che daccordo ha anche la sua rilevanza nessuno lo mette in dubbio, ma te ne lasci sfuggire un’altra sempre di fonte vaticana e ratzingheriana BEN PIU SUCCULENTA … eh eh

    Benedetto XVI ha deciso anche lui di aprire uno YOUTUBE CHANNEL VATICANO !!!

    E li potresti sfogarti alla grande e poi come minimo c’e’ materiale per farci sopra uno o piu’ video debitamente imparruccato con parrucca bianca e insegne pastorali pontificie e sparare un po’ tutte le cavolate che vuoi .. gia’ mi immagino una intera serie di video dal titolo Larvotto XVI con tanto di scarpette rosse di prada che esterna alla grande su questo e su quello .. !! 🙂 Paciugo potrebbe farti da cardinale vicario.

    Aehm .. e a proposito di batter fiacca .. non ‘dimenticare’ la corrispondenza arretrata…

  3. Credo sia un grave errore, soprattutto a valle delle richieste della comunità ebraica.
    D’altraparte però l’articolo citato contestualizza ben poco le circostanze, oltretutto continuando a chiamare vescovi persone che da oltre 20anni non appartengono alla chiesa cattolica e pertanto difficilmente “vescovi”.

  4. @isaak
    Il YouTube channel era l’idea iniziale per il post, poi, quando ho visto questa, mi è andato il sangue alla testa 🙁

    @MF
    Anche secondo me…

    @damnation4sale
    Molto più di grave ma, a quanto pare, dobbiamo aspettarci anche di peggio

    @sam
    Ho giusto davati agli occhi una foto di razzy mentre fa il saluto nazista

  5. Sabato 17 Gennaio 2009

    Legato, picchiato e imbavagliato. Così è morto Giuseppe Bertaina, missionario della Consolata di 82 anni, aggredito da alcuni malviventi, due uomini e una donna, nel suo ufficio dell’Istituto filosofico di Langata, alla periferia di Nairobi, che fa capo alla sua congregazione. La polizia, poco dopo l’accaduto, ha fermato la donna che aveva con sé dei libretti degli assegni di padre Bertaina, mentre uno dei due uomini, ancora ricercati, sarebbe un ex studente, cacciato in passato dall’istituto. Secondo le prime ricostruzioni tutto fa pensare ad un tentativo di rapina: come spiega un confratello e collega del missionario, padre Luigi Anataloni.
    Padre Bertaina era arrivato in Kenya negli anni ’50 da Madonna dell’Olmo, in provincia di Cuneo, dove era nato nel 1927. Una vita trascorsa in Africa, quasi sempre in Kenya, dedicandosi alla religione e all’educazione, soprattutto della popolazione kikuyu: dell’istituto tra le cui mura ha trovato malauguratamente la morte era stato infatti il fondatore, all’inizio degli anni Novanta. Ancora oggi, ormai superati gli ottant’anni, non ne voleva sapere di andare in pensione ed era responsabile dell’amministrazione della scuola. Un omicidio per denaro dunque, che esclude qualsiasi legame con il rapimento delle due suore italiane avvenuto il 9 novembre scorso a El Wak, nel nord del Kenya, vicino al confine con la Somalia. Le due religiose, anche loro di Cuneo ma di un altro ordine religioso, si trovano ancora nelle mani dei sequestratori.

    Pensa che stronzi…morti per niente, vero Larvotto?

  6. La foto del papa che fa il saluto nazista come dici te in realtà è un ritaglio, nella foto originale Ratzinger stava consacrando con le mani l’ostia col fratello durante la loro prima messa insieme, se la cerchi in giro la trovi la foto originale, quella non tagliata, anche se è più difficile da reperire dell’altra.
    E’ quindi un becero falso, ma ha girato e continua a girare per mezzo mondo, spacciata come segno dell’appartenenza ideologica dell’attuale papa al nazismo.
    Ma scusa, se si vuole fare i paladini della verità perchè usare questi trucchetti? Mah…

  7. Ma si sa che la storia dell’uccisione degli Ebrei è una scusa… chi ha visto Cocoon sa che se ne sono andati con gli alieni sul loro pianeta e vivono da nababbi. Altro che campi di concentramento. E Ratzi lo sa bene questo, visto che è il quarto segreto di Fatima

  8. Forse non sapete di cosa state parlando..
    Prima di tutto questi argomenti richiedono uno studio approfondito della storia.. Peccato che questo studio ci sia negato, quasi come se ci fosse qualcosa da nascondere..
    Ci sono fior fiore di storici che sulla base di studi condotti con criteri scientifiici(al contrario di quelli a sostegno dell’olocausto) che danno una lettura diversa dei campi di concentramento (rectius:lavoro).
    L’unica cosa che deve far riflettere è che non se ne possa nemmeno parlare, che cercare con lucidità di approfondire questo tema, magari anche solo parzialmente in contrasto con la “fede”ufficiale è reato!!Ma stiamo scherzando? Ma la storia non era uno studio oggettivo del passato che nulla deve avere a che fare con visioni dogmatiche tipiche della religione? Questo capita solo per la questione ebraica, e non vi è persona dotata di un minimo di intelligenza che non capisca come ciò suoni naturalmente “sospetto”!

Comments are closed.