Tempo di viaggiare

strada

C’è stato un momento nella mia vita, un momento che non ha una collocazione precisa, in cui (come cantava quel menagramo di Battisti) paragonando la vita ad un viaggio in macchina, ho cambiato marcia.
Ho iniziato ad accelerare, la mia guida si è fatta più sicura ed ho iniziato a godermi il rettilineo ascoltando musica a tutto volume.
Durante questo percorso, relativamente lungo, ci sono stati guasti al motore, gomme a terra, le immancabili buche, qualche multa per eccesso di velocità e le indispensabili soste all’autolavaggio.
Nel tempo la mia guida è cambiata, non tengo più il finestrino abbassato e non fumo nell’abitacolo, le mani sono entrambe sul volante (ore 10 ed ore 2), evito le strade che non conosco, faccio spesso delle soste, consulto la cartina e cerco di organizzare accuratamente tutti gli spostamenti.
Non è cambiata la mia voglia di viaggiare, ma il modo di farlo, e ci sono ancora tantissimi posti che vorrei visitare. Tempo permettendo ovvio.

Perché è il tempo quello che, nonostante i miei sforzi, non sono mai riuscito a controllare.

10 risposte a “Tempo di viaggiare”

  1. Penso che viaggiare sia una delle cose più belle e “libere”… e son d’accordo con te… sarebbe bello poter controllare il tempo…

  2. Quel gran genio del mio amico
    lui saprebbe cosa fare,
    lui saprebbe come aggiustare
    con un cacciavite in mano fa miracoli.
    Ti regolerebbe il minimo
    alzandolo un po’
    e non picchieresti in testa
    così forte no
    e potresti ripartire
    certamente non volare
    ma viaggiare.
    Sì viaggiare
    evitando di farti inchiappettare,
    senza per questo cadere nelle tue paure
    dolcemente viaggiare
    rallentare per poi accelerare
    con un ritmo fluente di vita nel cuore
    gentilmente senza strappi al motore.
    E tornare a viaggiare
    e di notte con i fari illuminare
    chiaramente la strada per saper dove andare .
    Con coraggio gentilmente, gentilmente
    dolcemente viaggiare.
    Quel gran genio del mio amico,
    con le mani sporche d’olio
    capirebbe molto meglio;
    meglio certo di buttare, riparare
    Pulirebbe forse il filtro
    soffiandoci un po’
    scinderesti poi la gente
    quella chiara dalla no
    e potresti ripartire
    certamente non volare ma viaggiare.
    Si viaggiare…

    C’E’ PÖSTA PER TE !

  3. l’importante è proprio non perdere la voglia di viaggiare.
    la velocità è un dettaglio
    il tempo, più ci pensi meno te ne resta

  4. @giorgio: controllare il tempo forse no, diciamo seguire con calma il suo scorrere 🙂

    @Luke: dai, facciamo una vacanza insieme 😀

    @isaak: sei sicuro che nel testo di mogol ci fosse “inchiappettare”?

    @joshuavox: grazie 😛

    @sam: sto diventando una cariatide 🙁

    @monia: ma bambolina, te ne voglio anche io, lo sai 😀

    @liquido: esatto, il perdere tempo pensando a quello che non si è fatto 🙂

  5. Ma il viaggio é la metafora della tua vita?
    O si parla solo dello spostamento per arrivare in un posto programmato?
    Insomma, non ci capisco niente di ‘sta roba troppo seria.
    E pensare che partivo in macchina il Venerdì pomeriggio per Barcellona o Parigi e tornavo il Lunedì mattina per andare dritto al lavoro!
    Come sono vecchio ora!!
    FGT

I commenti sono chiusi