Selvaggia Lucarelli: Se toccasse a me

Non resisto, copio ed incollo:

Se mi toccasse la morte cerebrale per un banale incidente o per aver assestato una testata a Gasparri, credo che i miei pensieri sarebbero più o meno questi:

a) Lasciate che per il mio caso, in Senato, si scannino come si deve. La faccenda mi dà speranza: è pieno di senatori che nonostante siano cerebralmente morti ben più di me, sono ancora reattivi e vivaci. La medicina indaghi.

b) Ha ragione Berlusconi. Io, in effetti, anche dopo aver trascorso sedici anni in stato vegetativo sarei ben felice di fare figli. Il piccolo problemino è che l’unica persona coi baffi che frequento regolarmente da sedici anni a questa parte è la suora ottantacinquenne che mi lava la schiena, per cui al momento il progetto è di difficile realizzazione.

c) Ha ragione Berlusconi. Se mio padre lotta per porre fine alla mia agonia è solo “per togliersi una scomodità.” E quando una giovane ragazza per il premier è diventata una scomodità, tocca dargli atto, lui non ha mai pensato di toglierla di mezzo. Al massimo, per farla star buona, l’ha raccomandata per una fiction. Ecco. Potrei fare una fiction. Magari faticherei un po’ a pronunciare le battute ma più espressiva della Arcuri lo sarei di certo.

d) Ha ragione Berlusconi. Continuo ad avere il ciclo mestruale. Certo, in quei giorni magari non faccio la ruota e non mi lancio col paracadute ma oggi, verso pranzo, il mio labbro superiore ha tremato ben due volte, per cui da qui a una serata al Pascià con le amiche il passo è breve.

e) Ha ragione Berlusconi. Dopo sedici anni di piaghe da decubito e calli alle orecchie e muscoli atrofizzati e guance incartapecorite sono sempre di bell’aspetto, per cui mi spiace per Beppino Englaro se non sono d’accordo con lui, ma venisse pure Fabrizio Ferri a fotografarmi e col mio bell’aspetto ci realizzasse la copertina di Panorama. Sono certa che a Berlusconi piacerò: in fondo la mia mobilità oculare è di gran lunga superiore a quella della Carfagna.

f) Lasciate che Berlusconi parli del mio caso perché a furia di sentire le sue tesi, può essere che mi risvegli giusto per la soddisfazione di lanciargli uno zoccolo dr Scholls della caposala.

g) Ringrazio Giuliano Ferrara per l’appassionato interessamento al mio caso e per aver lottato strenuamente affinchè nessuno mi tolga cibo e acqua. Del resto, che non fosse un patito delle diete l’ho sempre sospettato. Certo, nei momenti di sconforto mi verrebbe da augurargli di nutrirsi per sedici anni attraverso una cannula nel braccio come me, ma per lui sarebbe davvero un grosso dramma perché l’ossobuco nel sondino non passa, per cui lo perdono quasi subito.

h) Onestamente, preferisco che Mentana si dimetta da Mediaset perché a “Porta a porta” Alessandro Baricco sfoggia dei ricci più vaporosi dei suoi, che per la mancata messa in onda di una diretta sulla mia morte. Che vada pure in onda il Grande fratello. Nella bagarre di questi ultimi mesi mi sembra la scelta meno ipocrita che si possa fare. Sì, d’accordo, qualcuno, facendo zapping tra Vespa e la Marcuzzi, capirà che è passata a miglior vita una tizia con la sesta di reggiseno, ma l’ignoranza mi offende meno della presunzione di sapere.

i) Non so stabilire cosa sia “vita”. Però una cosa ve la posso garantire: di sicuro non lo è giacere davanti a un tv in cui si vomitano sentenze, boiate e integralismi sul mio dramma e quello di chi mi ama e dover aspettare che arrivi l’infermiera per girarmi dall’altra parte.

(copiato da www.selvaggialucarelli.it)

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

5 thoughts on “Selvaggia Lucarelli: Se toccasse a me”

  1. è evidente che Selvaggia non conosce la differenza tra come irreversibile (cosiddetta “morte cerebrale”) e coma vegetativo! se Eluana fosse stata dichiarata in sole 6 ore d’autorità in “morte cerebrale” sarebbe stata fatta fuori subito perchè la “morte cerebrale” è stata inventata dai medici funzionalmente ai trapianti!
    Attenzione a non fare confusione… mi permetto di girare un comunicato stampa su Eluana molto interessante in coda al mio commento.

    mopattopeo

    LEGA NAZIONALE CONTRO LA PREDAZIONE DI ORGANI
    E LA MORTE A CUORE BATTENTE
    24124 BERGAMO Pass. Canonici Lateranensi, 22
    Tel. 035-219255 – Telefax 035-235660
    lega.nazionale@antipredazione.org
    http://www.antipredazione.org
    nata nel 1985

    COMUNICATO STAMPA
    Anno XXV n.1
    10 Febbraio 2008

    ADESSO BASTA
    LASCIAMO ELUANA RIPOSARE IN PACE

    Adesso basta su Eluana. La sua non è stata eutanasia, ma sacrosanto diritto a rifiutare l’alimentazione e l’idratazione forzata, come qualsiasi altro trattamento/tortura imposto ad oltranza e non richiesto.

    Ora va portata l’attenzione alle migliaia di giovani che dopo incidente o malattia vengono messi a morte nelle rianimazioni con una falsa dichiarazione di “morte cerebrale”, imposta contro la volontà delle famiglie, in 6 ore, da medici obbedienti ai criminali protocolli di Stato. Artificio adottato per procedere all’espianto degli organi impunemente su persone vive che hanno perso la coscienza.
    Perché per costoro non c’è la dovuta indignazione? Questa sì è eutanasia/distanasia di Stato.

    I parlamentari che tanto si sono dannati per iniziative e decreti “salva-Eluana”, sono gli stessi che senza scrupoli hanno votato la legge 578/93 che impone la “morte cerebrale” a cuore battente, per soddisfare la richiesta d’organi e la sperimentazione in vivo.

    Questi “eserciti ideologizzati” che si sono mossi a favore o contro Eluana non si capisce dove sono stati per oltre 30 anni, e tuttora, mentre si taceva la verità e si promuoveva l’orrore dei tanti omicidi di persone in coma ventilato, indifese, macellate da vive.

    Lo Stato, la Scienza, la Chiesa non sono padroni della nostra vita e della nostra morte, va abrogata la cinica legge della “morte cerebrale”.

    Attenzione al disegno di legge n. 10 del Sen. Ignazio Marino “sulle dichiarazioni anticipate nei trattamenti sanitari” (testamento biologico), testo ingannevole e pericoloso che verrà spinto sull’onda emotiva del caso Englaro.

    Nerina Negrello
    Presidente

  2. io adoro Selvaggia, la seguo da sempre ed è dal suo sito che sono giunta a leggere il tuo blog qualche anno fa… fedelissima eh?!
    Buona serata!!!

Comments are closed.