Questione di “fescion”

Dunque, che io di fashion non ne capisco un cazzo lo sanno anche le nutrie del crostolo, però ci sono cose che, nonostante il mio completo disinteresse per il glitterato mondo della moda, riescono a suscitare in me un grosso interesse.

Ad esempio, l’altro giorno stavo passeggiando in zona Porta Venezia e, passando davanti al negozio della blasonatatissima, amatissima, adoratissima e famosissima Vivienne Westwood, non ho potuto evitare una bestemmia disgustata.

vivienne

Quello che vedete nella foto è uno degli abiti esposti e vi prego di cliccare per ingrandire, voglio che lo vediate bene.

Ora, io sarò uno scoreggione malvestito, ma cazzo, quella è una tovaglia comprata all’euronova!
E qui ci sono le prove!

(qui uno screenshot se dovessero togliere l’articolo)

Sarei curioso di scoprire se qualcuna, seriamente e con convinzione, entra nel negozio e carica di aspettative chiede di provare il vestito in vetrina.
La immagino mentre esce dalla cabina prova, con il commesso che la guarda e le dice “le sta davvero molto bene. Con sopra due bicchieri di lambrusco ed i portatovaglioli come braccialetti farà un figurone”.
Un figurone di merda!

Vivienne, te lo dico con affetto, ma vai a cagare!

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

17 thoughts on “Questione di “fescion””

  1. @Liquido: Potrebbe essere, sai che figurone in mezzo al prato? 🙂

    @Andrea S: A me è la parte a righe che impressiona 🙁

    @Watkin: Ecco, questa potrebbe essere una spiegazione 🙂

    @Zonasedna: Dici che potrei diventare ricco? 😀

    @Camu: Che mondo sarebbe senza euronova? 😀

  2. scusate mi sento chiamato in causa essendo grande estimatore di vivienne westwood e di tutto quello che ha fatto,per chi non lo sapesse lei prende molto spunto dai dipinti francesi del 700 artisti come bouches che si posso ammirare nella wallace collection a londra,compreso le nature morte quindi quadri con frutta e fiori, quel vestito ne e una prova.oltre a essere la madre dello stile punk e sempre stata influenzata dal teatro e da arte rinventando per prima e riportando sulle scene abiti come i corsetti le coulotte rifacendosi allo stile francese del 700,e tutt’ oggi guardando qua e la’nelle sue sfilate continua a mescolare abilmente quello stile ,che vah dal punk da lei inventato all’abito 700centesco!
    non per niente ritengo che sia una delle ultime stilisti che abbiano inventato e detto qualcosa in un ambiente che ormai e ben piu che asettico e morto!!:)

  3. adorissimo, sia il post che la westwood…cmq caro larvotto penso che questo sia il post tuo che piu mi ha fatto ridere fin adesso. GRAZIE 😀
    e mko-mo, amo la vivienne, ma la stampa e bruttina 🙂

  4. javierona quando vieni in italia ti sistemo io ,ti meriti un bel tubino fuxia con gonna palloncino e mega cinturone in vita da rezdora OSCAR DE LA RENTA o giubbotto borchiato stile motociclista camionaro con cinturone elefantesco di D-SQUERED …..puahahahaha tie’ 🙂
    I LOVE JAVIERONA 🙂

  5. beh non mi pare molto piu anziana dei vari valentino armani e anche i signori dolce gabbana ormai mi are che siano sui 50 come il signor gaultier e via dicendo…..per quel che riguara i, tra virgoletti nuovi stilisti evito di commentarli perche tranne 2 in croce manco li ritengo tali 🙂

  6. porca paletta devo andare al ristorante, passo a prendere i miei padrini octuagenari, lei di una perfidia e gelosia più unica che rara lui totalmente sordo, psichiatra che vorrebbe curare i gay con l’elettrochoc (non facendomi ascoltare la canzone dei matia bazar ndr…). Immagina che pasqua serena e piena di gioia, spero che si strozzino con i capperi del vitello tonnato.
    Larvottino, tesoro, buona pasqua e non leccare le sorprese all’uranio dell’uovo neh. Baci
    p.s. il vestito mi piace ^^ più euronova per tutti

Comments are closed.