La Norvegia vince l’Eurovision Song Contest

Ieri sera ho guardato la serata finale dell’Eurofestival, una manifestazione davvero fastosa, una roba da 42 milioni di euro, con un tasso di froceria altissima, tutta roba troppo bella e divertente per essere considerata anche in Italia.
Che poi, diciamocelo, chi avremmo potuto mandare su un palco sfavillante come quello?
Chi avrebbe potuto rappresentare l’Italia tra tutti quegli addominali scolpiti, stragnocche mignottate deluxe, pop a go-go e soprattutto tra canzoni orecchiabili che, incredibile, dopo una sola volta che le hai ascoltate ti rimangono in testa?
Vediamo un po’, forse dovremmo cercarlo tra il ciarpame audio-visivo di cui era pieno il nostro Sanremo?
Io direi che Marco Masini, con la sua immobilità sul palco, con le sue canzoni tristi e lagnose e con quella sua aria così depressa, avrebbe degnamente rappresentato l’Italia all’estero; un perfetto specchio di quello che siamo diventati negli anni.
A proposito, ma voi sapreste dirmi, senza usare google, i nomi dei tre finalisti sanremesi di quest’anno?
Ve li dico io, primo Marco Carta, secondo Povia e terzo Sal Da Vinci.
Tre artisti attualmente impegnati in una personale gara per scoprire chi tra di loro ha venduto meno.
Addirittura di Sal DaVinci subito dopo la finale se ne sono perse le tracce, mentre Povia, dopo aver cavalcato l’onda delle polemiche sulla sua insulsa ed inutile canzone è scomparso, completamente fagocitato da tutto il nulla che si era costruito attorno. La nota positiva è che, molto probabilmente, fino al prossimo Sanremo ce lo siamo tolto dai coglioni.

Ma torniamo all’eurofestival che è meglio.
Primo il norvegese Aleksander Rybak (il sosia di Brent Corrigan), con la canzone “Fairytale”.

Seconda l’islandese Yohanna, una specie di fatina bionda con la canzone “Is It True”.

Mentre al terzo posto l’Azerbaijan (la terra di Irina Scassalkazzaja :o) ), AySel & Arash con la canzone “Always”, una delle mie preferite.

Questa invece la mia personalissima classifica, già soggetta a modifiche.

1° (Albania) Kejsi Tola – Carry Me In Your Dreams
2° (Svezia) Malena Ernman – La Voix
3° (Germania) Alex Swings, Oscar Sings – Miss Kiss Kiss Bang
4° (Turchia) Hadise – Düm Tek Tek
5° (Armenia) Inga & Anush – Jan Jan
6 ° (Azerbaijan ) AySel & Arash – Always
7° (Moldova) Nelly Ciobanu – Hora Din Moldova

Molto presto tutti nel mio iPod.

ps
Oggi pomeriggio il mio ragazzo stava curiosando in internet alla ricerca di informazioni su Malena Ernman che, a suo dire, è una bravissima cantante lirica.
Tra i tanti brani che ha ascoltato c’era anche “la cavatina di Rosina” che io, da brava capra, non conoscevo.
Un poco deluso dalla mia ignoranza mi ha detto “ma come, non conosci il barbiere di Siviglia?”.
Quando io gli ho risposto “No, io quando avevo i capelli andavo dalla parrucchiera di Scandiano”, ho seriamente rischiato la fine del nostro rapporto 🙂

ps2
Provate ad indovinare chi c’era in giuria.
Ma la favolosamente divina Philip Kirkorov, detta anche “nostra signora del lurex”.
E chi è Philip Kirkorov vi starete chiedendo?
Ma presto detto, Philip Kirkorov è il protagonista di uno dei video più divertenti che ho visto negli ultimi mesi 😀

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

15 thoughts on “La Norvegia vince l’Eurovision Song Contest”

  1. Sono ancora indeciso se comprare il cd o il dvd… Evviva il ballo della Moldova!
    Su che canale l’hai guardata la finale? Io ho fatto zap fra la tv spagnola, quella tedesca e quella di grande madria Russia!

  2. Io sono andato a eurovision 2009.Kejsi tola per me e la migliore!!!!!!!!!!!!nn capisco perche nn e arrivata magari al 3 posto ❓

  3. non l’ho visto.
    e mi attira pochissimo. forse è colpa della tradizione familiare di ignorare il festival di sanremo, che mi spinge a evitare festival canori in genere?

    comunque ho notato questa frase
    “Povia, dopo aver cavalcato l’onda delle polemiche sulla sua insulsa ed inutile canzone è scomparso, completamente fagocitato da tutto il nulla che si era costruito attorno.”
    sicuro che il nulla fosse solo attorno? mi viene il dubbio ci fosse il nulla pure sotto, o dentro, che dir si voglia.

  4. Qui in Spagna stanno scassando dicendo che oh è ingiusto che Soraya sia arrivata penultima, alcuni dicono che la Spagna farebbe bene a fare come l’Italia, e non partecipare più. Non hanno capito un cazzo, spero non diventino barbosi con questa storia dell’Eurovision come gli italiani. La canzone spagnola faceva cagare, la tipa ha una voce di cacca e sguaiatissima, una per dire che ha fatto un unico disco di cover di dischi anni 80 (riuscendo a distruggere Self Control, by the way). L’anno scorso la Spagna partecipò con un friki creato per l’occasione (in realtà, uno stimatissimo attore comico), canzone che nonostante fosse very easy io ascoltavo pure a luglio nei chiringuitos in spiaggia a Mykonos. A questo festival o si va a cazzeggiá, con personaggi un po’ strambi, con canzoni pazze, o sei fuori. L’Italia partecipò per l’ultima volta con un trio assurdo (c’era anche Tozzi o ricordo male?), non puoi portarci cantautori o canzoni il cui punto di forza è il testo (di cui nessuno o quasi capisce na mazza). Vedi la Francia (altro paese con canzoni sempre assai barbose). Lo spettacolo è gradevole ed è sempre simpatico vedere cosa cuoce in giro, la RAI fa male a non trasmetterlo e a non parteciparvi, ma non mi sorprende, ci crediamo superiori sempre e comunque e alla fine facciamo sempre la figura dei provinciali e degli snob del cazzo…autoironia questa sconosciuta! Comunque, aridatece Rodolfo Chikilicuatre…. 🙂

  5. Salto a pié pari tutto l’Eurofestival.
    Ma questa Malena Ernman non fa paura!? Sembra una bagnina!

    (non conoscere “Una voce poco fa”, verrrrrrgogna!!! 😛 )

  6. Vedo che non sono l’unica inebetita dalla visione del cantante greco…ho visto un’intervista sul Tubo, a parte che sembra molto simpatico (particolare di gran peso e che in uno gnocco stratosferico non è mai scontato, anzi) ma ha pure un sorriso dolcissimo…! 😳

  7. @Igorfromrussia: ma dai, davvero c’eri? che invidia… 🙁
    il ballo di moldova lo sto ballando da stamattina 😀

    @liquido: ma hai notato che faccetta da pornostar che ha la cantantessa? 😀

    @Bugaz: mi faceva paura quando saltava come nà pazza 😛

    @byb: beh, Povia è un enorme nulla, un contenitore pieno di gas intestinali, una scoreggia nel panorama musicale italiano, un bruscolino in quello mondiale.
    Di lui non resterà nulla, semplicemente verrà dimenticato e, forse, riscoperto (per poi essere subito ri-dimenticato) in una qualche trasmissione tipo meteore.
    Non merita nulla di più 🙂

    @Barcellonese: Non ti dico dove manderei Soraya perché io sono una signora educata 🙂

    @Watkin: 😛 sò gnùranta io

    @Petarda: Macciao Cara 🙂 secondo me è una di quelle manifestazioni da vedere in gruppo, bevendo birra e commentando selvaggiamente… potremmo organizzare qualcosa per il prossimo anno no? 🙂

    @ghettoculturale: adesso me lo studio per bene via… 🙂

  8. Che bello l´Eurofestival. L´ho scoperto grazie ad un amico di Madrid che va ogni anno alla finale, indipendentemente dove la fanno.
    Miei preferiti, l´Estonia e l´Ukraina quest´anno.
    Ma in cuore ho ancora Hero di Charlotte Perelli dell´anno scorso.
    Cmq e´ un casino per le votazioni. E´ un gioco geopolitico in cui i paesi dell´Est la fanno da padroni per via delle enormi comunita´ che hanno anche nei paesi occidentali.
    E cosi´ vedi che la Francia da´ 12 voti alla Romania, l´inghilterra 12 alla Polonia, la Spagna 12 alla Moldavia, etc etc.
    Alla fine Francia, Spagna, UK (non quest´anno stranamente) e Germania stanno sempre in fondo alla classifica

Comments are closed.