Un dito nel culo pareva poco?

Mi dispiace per David Carradine, una morte che è anche peggio di quella che gli era toccata nel film Kill Bill.
Però, cazzo, c’era davvero bisogno di tutta sta lavorata per farsi una sega?
Appeso in un armadio come uno stoccafisso ragno ad essiccare, con una corda che stringeva i genitali e un’altra la gola…

E come degna conclusione, giusto per dare alla cosa quel tocco di orrore che mancava, il Post Chronicle ha pubblicato le foto scattate nell’albergo.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

6 thoughts on “Un dito nel culo pareva poco?”

  1. Evidentemente il dito ormai non dava più nessun tipo di sensazione…

    Certo che se, per esempio, per masturbarmi, dovessi stare li a legarmi, controlegarmi e ri-legarmi, mi sarebbe passata la voglia…

    Federica, sei sempre la migliore! 😳

  2. Si sarà fatto legare da una troia thailandese che poi è scappata quando quello c’è rimasto…ho già visto su internet cose del genere, come quel vecchio trovato morto con un bastone su per il culo al cesso, sempre in Thailandia.
    Come mai ste cose succedono così spesso da quelle parti? E come mai la nostra classe politica va matta per la Thailandia? Mah…

  3. Larv8, meno male che tu sei molto più ginnico dell’anziano carradine, e che ormai certi giochetti li fai anche con la mano destra legata dietro alla schiena, come m’hai fatto vedere l’altra volta. Fiuuuu.

  4. @Poto: si infatti, nel tempo che mi preparo passa l’attimo magico 🙂

    @bellobello: hai nomi da segnalare? 🙂

    @U&D: imbarazzante direi 🙂

    @simo: dici che non era un “fai da te”?

    @Anellidifumo: shemo 😀

Comments are closed.