Have thoughts to share?

Write your response

16 thoughts on “io amo Margherita”

  1. Giornalista – “Le chiedo subito Signora Hack, le è piaciuta la barzelletta di Berlusconi su Rosy Bindi che si chiude con una bestemmia?”
    Margherita – “Io mi domando: ma si guarda mai allo specchio? Questo nanetto, con i capelli tinti, la faccia rifatta… E si spermette di offendere una degna persona come la Bindi. Si dovrebbe vergognare!”

    Come non amarla?

  2. La Hack e’ un mito, peraltro non e’ nemmeno la prima volta che dice molto chiaramente quel che pensa del nano.

    Massimo, lurido frocione, ancora non hai risposto sul titolo della canzone del video musicale che hai postato prima ! 😕

  3. Comunque ragazzi .. visti gli ultimi sviluppi mediatici, e il fatto che i servi “giornalettistici” del nano stanno preparando un’altro attacco mediatico a base di dossieraggi a carico anche della povera Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria, che aveva osato a piu’ riprese sottolineare lo stato comatoso e inadempiente del governicchio .. non mi meraviglerei se nei prossimi giorni sulla carta straccia stampata dal nano a firma dei soliti manganellatori uscissero articoli poco gradevoli sulla nota astrofisica che, ricordiamolo, e’ una delle poche voci autorevoli e rispettate nella comunita’ scientifica che il paesello peninsulare ancora puo’ vantarsi di avere.

    Qui stanno cercando di tappare uno alla volta la bocca a tutti… per fortuna che alcune procure e pm coraggiosi si sono fatti avanti con le perquisizioni ed il sequestro dei dossier presso il “Giornale”… almeno cominciano un po’ a cagarsi sotto quegli stronzi.

    PS. Massimo tu almeno potresti almeno inviare un regalo alla Margerita Hack per ringraziarla delle sue esternazioni, a nome di tutto il supermarket, un bel cosciotto di prosciutto di parma glielo invii direttamente all Osservatorio Astronomico di Trieste. Via Tiepolo 11 34143 Trieste, tel.0403199111 fax.040309418

    Poi tu dovresti essere doppiamente grato alla Hack anche in virtu’ della tua natura culattonica. Il 12 agosto 2010 Margherita Hack è stata premiata a Torre del Lago Puccini come “Personaggio gay dell’anno” per la sua attività a favore dei diritti civili e del riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali. In quell’occasione ha dichiarato che «da parte di altri paesi è certamente un segno di civiltà. Noi invece siamo un paese arretrato, che non sa cos’è il rispetto della libertà. Il Vaticano è certamente un deterrente che influenza la classe politica, ma la politica non è libera e non ha il coraggio di reagire. E se non reagisce questo significa che è più bacchettona della Chiesa e non sa cos’è il rispetto della libertà altrui».

    Poi non dire che sono omofobico …

  4. Quel «nanetto» non le fa onore. Berlusconi è “tanto” e si sa, ma lei è stata infelice. Non meno di un qualunquissimo Grillo, che sul ricorso dispregiativo all’aggettivo “nano” ci ha costruito una carriera. Ho avuto un amico di bassa statura e ho visto quanto la leggerezza di certi insulti ferisca più della violenza fisica. Sono molti i ragazzi che non reggono il peso dell’altrui stupidità e scelgono di passare a miglior vita. La signora Hack dovrebbe saperlo.

  5. @ Flavio: il tuo discorso non ha alcun senso. Se Berlusconi per primo non insultasse le persone, soprattutto le donne (peraltro normali come Rosy Bindi, Mercedes Bresso, ecc.), offendendole sul loro aspetto fisico – manco lui fosse Brad Pitt -, nessuno si occuperebbe del fatto che è di bassissima statura e che ha i capelli di una bambola sgarrupata (leggi peli del culo trapiantati e safaltati in testa), e che ormai è una creatura di plastica ambulante. Berlusconi raccoglie soltanto quello che semina, di conseguenza non merita la compassione/comprensione di nessuno, bensì – semmai – dei pomodori marci in faccia a ogni sua apparizione pubblica.
    Berlusconi è un vecchio e mostruoso nanetto che si sente un giovane e aitante adone e che, basandosi su questa erronea convinzione, “governa” l’Italia riempiendo le istituzioni delle zoccole che “conquista” non con la sua avvenenza ma con il suo potere incontrastato (e conseguito illecitamente). Ricordargli che cos’è in realtà è soltanto doveroso.

  6. L’occhio per occhio, non è da persone intelligenti. Da una Hack ci si aspetta un altro tipo di intervento, non certo che dia del nanetto a qualcuno. Cosa meriti Berlusconi è un altro discorso! 😉

Comments are closed.