Una spremuta di zibetto

Tutto è nato da un post sul facebook di Chiara La Scura: Se Marilyn avesse detto: “A letto indosso solo una spruzzatina di secrezioni anali di zibetto” sarebbe ancora un’icona?
Sulle prime sono rotolato sulla sedia a forza di ridere, poi, preso dalla curiosità, mi sono documentato su wikipedia.

Le secrezioni anali di zibetto, utilizzate in molti profumi, si ottengono così: Per raccoglierla, legano saldamente l’animale alla gabbia e poi premono con le dita la borsa anale per farne sgocciolare il contenuto dai numerosi canali che vi fanno capo. Il liquido appiccicaticcio che cola viene raccolto con cucchiai e si procede poi ad ungere la borsa ghiandolare col latte delle noci di cocco o con latte animale, al fine di calmare il dolore che l’animale ha sofferto durante l’operazione di mungitura. In genere si estrae lo zibetto due volte alla settimana. Appena raccolto, si presenta come una schiuma bianca, che si va facendo più scura via via che si asciuga e perde un po’ del suo profumo.

Ma-che-schifo!
L’idea dello zibetto incatenato mentre, due volte alla settimana, gli spremono il culo per raccogliere il liquido appiccicaticcio, mi ha davvero distrurbato.

Le domande adesso sono due:
– Visto che chimicamente si sintetizza di tutto ed è possibile acquistare, ad esempio, roba al sapor di banana anche se di banana non c’è traccia, non è che esiste anche l’aroma chimico “culo di zibetto”, così lo zibetto è più tranquillo ed al suo culo ci pensa lui?

– Qualcuno sa quali sono i profumi che utilizzano la spremitura di zibetto? Onde evitare di comprarli e, nel caso li avessi già in casa (fossero anche quelli di Luten che amo alla follia) finirebbero dritti nel pattume.

Grazie.

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

24 thoughts on “Una spremuta di zibetto”

  1. Massimo mi spiace per te .. ma quasi sicuramente per tutti questi anni ti sei improfumato ben bene con essenza di culo di zibetto e non lo sapevi !

    Pensa a tutta quella roba appiccicaticcia che esce dal culo dello zibetto che ti sei spalmato sulla faccia… in particolar modo tu che sei cosi’ fissato con i profumi. Mi fai schifo. Come hai potuto spalmarti quella robaccia in faccia… e soprattutto pensa al dolore terribile a cui sono sottoposti quei poveri zibetti quando gli spremono il culo.

    Tra l’altro poi se ci pensi che lavoro di merda che deve essere quello ….

    “tu cosa fai?” / “lo spremitore di culi di zibetto”

    … altro che olio di cocco !

  2. Massimone, non vorrei rigirare il coltello nella piaga ma
    ti posto una foto di “puro estratto di zibetto”

    http://www.profumo.it/images/bottiglie/civet_tincture.jpg

    La vedi quella pasta marroncina nel tubetto .. ecco quello e’ puro
    estratto anale di zibetto, il cui pregiatissimo aroma essenziale viene
    utilizzato in tutte le preparazioni di profumeria di alta classe.

    Pare che in africa ed nei bassopiani deserti arabici lo usino anche per
    impomatarcisi i capelli e come essenza profumata da prendere nel caffe..
    il famoso “crema d’arabia” 😯

  3. il caffè di zibetto è cosa raffinata è costosa.

    spulciando le wikipedie si trova che forse si può produrre sinteticamente partendo dall’olio di palma: http://fr.wikipedia.org/wiki/Civettone & http://en.wikipedia.org/wiki/Civetone

    comunque secondo la wiki inglese http://en.wikipedia.org/wiki/African_Civet :
    The perineal glands are located between the scrotum and the prepuce in males and between the anus and the vulva in females.
    cioè la posizione non è proprio anale-anale.

    1. ALLA FACCIA DELLA RAFFINATEZZA !

      Bob… guarda anche con tutta la buona volonta di questo mondo, ho difficolta’ a trovare raffinato un Caffe’ che sia stato precedentemente digerito e cacato da uno zibetto.

      Scusami tanto .. lo so .. sono di gusti difficili.

      PS.
      E poi la cosa bella e’ che sta porcheri.. ehm.. raffinatezza .. costa anche un botto! Ho letto prezzi in giro che vanno dagli 8.50 Eur a tazzina fino a 22 Eur a tazzina !!

  4. Sarà difficile venire a sapere le marche che utilizzano secrezioni anali del povero zibetto…anche perché dubito venga scritto “papale papale” così!

    1. Carissimo Veli,

      Sto cercando di documentarmi. Sta storia dello zibetto mi ha troppo incuriosito.

      Comunque ovviamente NON lo scrivono per ovvie ragioni. In ogni caso anche in quei rari casi in cui lo nominano ufficialmente tra gli ingredienti o nelle pubblicita vengono utilizzate locuzioni oscure come “muschio bianco” ( alla faccia del muschio) oppure “civet musk” ( muschio di zibetto) etc .. ma bisogna scavare secondo me.

      E poi esistono anche altre porcherie simili .. ho scoperto che i profumieri e saponificatori d’elite usano anche altre materie prime dal nome bizzarro come “ambra grigia” ( ambregrise ) .. che in realta’ sarebbe pregiatissima merda di balena.. in particolar modo trattasi di secrezioni anali di capodoglio.. dicono che i profumieri piu’ raffinati ne vanno matti.

      Non so se vi rendete conto di cosa vi spruzzate addosso .. voi amanti dei profumi!
      Fate come noi veri maschi virili .. che non ci profumiamo mai.. molto meglio puzzare di sano sudore che spalmarsi addosso secrezioni anali dai nomi appariscenti e dall’origine assurda-

      Io poi mi chiedo .. ma quali personaggi sono codesti “scopritori di profumi” che vanno a ravanare i culi di zibetti e balene.. cioe’ insomma .. dico io .. prima di scoprire che quei prodotti anali avevano una valenza commerciale .. quante secrezioni anali di animali si sono dovuti annusare ? E poi soprattutto .. ma perche’ mai andare a ravanare nei culi degli animali per trovare robe profumate… mi sembra proprio l’ultimo posto dove andare a cercare ! Secondo me sti profumieri qua sono un po’ culattoni ( con tendenze zoofile ) 😆 😆 😀 😆

      At saludi

  5. @Isaak, non diciamo cazzate, io le persone con litri di profumo addosso non le sopporto, ma nemmeno “molto meglio puzzare di sano sudore che spalmarsi addosso secrezioni anali dai nomi appariscenti e dall’origine assurda”.
    Dicimo che, nel mezzo, c’è la vecchia e sana saponetta, da usare con frequenza, e qualche anonimo spry da supermercato da mettere sotto alle ascelle 😆

    Giusto ieri mi sono imbattuto in un signore dalle ascelle canterine che, guarda, faceva venire il vomito.

    Ti ha sconvolto la cosa eh? Adesso ogni volta che utilizzerai un profumo ti sembrerà di farti scoreggiare sul collo da uno zibetto 😀

    1. Massimo tu non ci crederai .. ma io di profumi non ne uso.
      ¨
      Mi danno proprio fastidio.. e questo anche prima di scorprire sta storia dello zibetto e della merda di balena ( ambregris ).. va non uso manco il dopobarba figurati.. proprio il profumo non lo sopporto.

      Rimarrebbe naturalmente qualche dubbio sul sapone liquido.. ma non penso che mettano l’estratto del culo dello zibetto anche laddentro .

          1. Visto che siamo in tema di Zibetto
            Massimone, tu che ti sei fino ad oggi profumato col “muschio bianco” della Luten
            hai anche assaggiato sto famoso “caffe’ di zibetto” ? 😎

      1. Arabie: Cedro, sandalo, mandarino buccia candita, fichi secchi, datteri, cumino, noce moscata, chiodi di garofano, resine balsamiche, Tonka fagiolo, Siamese benzoin, mirra
        sono salvo 😀

  6. Sei un deficiente che non fa ridere, sei ignorante al cubo.
    Hai scritto stronzate anche in materia di sintesi chimica.
    Penso che potresti risultare migliore solo se ti cospargessi di benzina e ti dessi fuoco gridando che ami gli animali,
    gli unici ad assomigliarti davvero, le bestie!
    E facessero altrettanto gli imbecilli che trovandoti sensato postano pure stronzate aggiuntive, siete ignoranti che…
    le scuole chiuse o aperte per voi pari sono e allora: viva la gelmini!
    Siete pecoroni e basta, asini da carretto.
    Spremuto lo zibetto ve lo si mettesse carcassa in culo!
    Odio la vostra imbecillità, e non la tollererò mai.

    1. Guerlain, tutto bene? Il profumo ti ha dato alla testa?
      Sù, vieni qui e siediti vicino a me, cosa c’è che non va? Vuoi due coccole?
      E adesso dicci, con calma, quali sono i tuoi problemi.

Comments are closed.