No vabbè, ma sempre a me?

Alle volte penso di avere una innata propensione per le figure di merda.

Ero al lavoro e, mentre stavo facendo il rifornimento scaffali, mi si è avvicinato un ragazzo che non avevo mai visto prima.

– “Ehi, ciao!” dice ad alta voce,
– “Ciaorispondo io ricambiando il saluto,
– “Allora, come stai?chiede in tono frizzante,
– “Ma benedico io mentre cerco di capire chi èil solito sabato di corsa”,
– “E tua figlia come sta?
– “Mia figlia?chiedo io dubbioso

Ed in quel momento, mentre continuo a fissarlo, lui gira appena la testa rivelandomi l’amara verità: un cazzo di auricolare bluetooth!

Porca puttana, era al telefono, non stava parlando con me.
Un poco mi sono vergognato 🙁

ps
La foto non centra nulla, però mi piace troppo 😀

Published by

Have thoughts to share?

Write your response

13 thoughts on “No vabbè, ma sempre a me?”

  1. Non so perché, ma a me la gente al telefono mentre fa la spesa dà fastidio. Sarà che per me il momento della spessa è liberatorio (una certa frenesia si impadronisce di me, mentre riempio il carrello!) e la gente al telefono mi distoglie dalla catarsi. No al cellulare al supermercato!

  2. Ma è come la pubblicità dei due bonazzi in piscina, con uno che dice: “Vieni a cena con me stasera?”, e l’altro che non vede l’auricolare e si ringalluzzisce !
    Aveva ragione il vecchio Oscar, è la vita che imita l’arte.
    (Ma il ragazzo dal tono frizzante era carino?)

  3. Larvotto, trasferisciti a Trieste: qui in tutti i supermercati c’è un imbarazzante buco nero delle reti di tutti gli operatori possibili e immaginabili.
    Se uno deve chiedere alla moglie cosa deve comprare stando davanti ad uno scaffale con ottomila prodotti tutti pseudo-uguali e NON può sbagliarsi, pena la morte, è ampiamente fottuto!

  4. Vabbe’ dai, mica e’ colpa tua… io quelli che usano l’auricolare wireless appiccicato all’orecchio li sopprimerei.

    A parte il fatto che e’ scomodissimo andare in giro tutto il giorno con quella schifezza appiccicata all’orecchio ma poi e’ un ottimo modo per catalizzare un concentrato di radio-onde quasi direttamente a contatto con la scatola cranica in modo continuativo, oltre ai radiodisturbi del terminale che si portano in tasca o dentro la giacca avendo cura di appoggiarlo il quanto piu’ possibile vicino al pace-maker o alla prostata, geniali poi quelli che si mettono il telefonino ( su per il culo .. ehm no ) attaccati alla cintura nelle apposite custodie.

    1. Pensavo che l’auricolare preservasse dalle onde elettromagnetiche 🙁

      Ma scusa, tu il cellulare dove lo tieni? L’unica possibiolità sarebbe di farlo tenere a qualcun altro allora 😀

      Bello il filmato, io l’avevo visto ambientato in una sauna 😛

      1. No no, quella e’ la patacca che gli esperti di marketing cercano di rifilare ai soliti consumatori tonti.

        In realta’ non fai altro che sommare le frequenze che comunque ti becchi dal telefono cellulare ( che viene tenuto genialmente addosso nella massima parte dei casi ) con quelle che riceve e spara l’auricolare bluetooth con l’accortenza che si tratta di un pirolacchio che ti infili direttamente nell’orecchio e te lo tieni li continuativamente. Le frequenze bluetooth sono intorno ai 2.4GHz ed il problema e’ che te le spari tutte nell’orecchio anche quando non parli perche’ la periferica bluetooth cerca sempre il terminale a cui e’ collegato. Quindi hai 2 sorgenti di onde radio sul corpo .. una nell’orecchio .. e l’altra solitamente attaccata alla cintola, dopo. Poi rimane da vedere se le frequenze del bluetooth siano piu o meno dannose di quelle del cellulare ma non ci sono ancora studi di lungo periodo su questo.

        Sarebbe diverso il caso in cui si indossasse solo l’auricolare ed il telefono lo tieni lontano da te ( non addosso ) a diciamo circa 1 metro.. in quel caso rimarrebbero solo le onde dell’auricolare.

        Io il cellulare non lo amo particolarmente, solitamente lo tengo nella tasca piu esterna della valigetta o del giubbino, etc quando sono in giro .. e non appena arrivo a destinazione lo appoggio sulla scrivania e lo lascio li. Ci sono anche pratici “mobile holders” da scrivania dove ne puoi mettere anche due e li tieni in posizione verticale cosi vedi anche chi ti chiama sul display senza doverti rompere le palle a prenderlo.

        Io in generale non amo il cellulare .. in fondo fino a dieci anni fa si campava benissimo anche senza .. e ti diro che quando sono in giro per i cavolacci miei e non sono tenuto a rispondere a nessuno e non aspetto telefonate in arrivo .. ogni tanto lo spengo addirittura .. ahhhh .. relax.

        Massimo anche tu puoi farlo .. staccati dal cellulare.. quando arrivi al super ti consiglio di poggiarlo da qualche parte sotto al bancone ad esempio .. adesso non so come stai messo e se non c’e’ il rischio che te lo “ciulino” .. ma insomma liberati dalla schiavitu’ del cellulare ! DOWN WITH MOBILES, PDAs and PAGERS !

Comments are closed.