Have thoughts to share?

Write your response

3 thoughts on “Le pubblicità favolose (1888)”

  1. Coraggio Max,

    Ci vuole ottimismo e pazienza nella vita. In fondo mi pare che una dichiarazione del genere ed una presa di posizione di questo tipo cosi’ ufficiale da parte degli stati uniti, possa innescare una serie di effetti benefici a cascata tutti positivi per te. I tempi cambiano… c’e’ una maggior comprensione ed accettazione dei fenomeny gay e lesbo etc etc…. quindi dai tempo al tempo… altrimenti non ti rimane che mandare un paio di curriculum in california e vedi se ti prendono in qualche supermercato locale.

    Naturalmente dovrai dire addio per sempre alla cippo, con le sue tettone ed i tatuaggi “alternativi”, dovrai dire addio a reggio la citta’ che ami con i suoi locali di tendenza, alla moda ed anche poco costosi, saluterai per sempre i vari amichetti, coreografi e ballerini .. ma di sicuro troverai altri amici californiani che ti accoglieranno senza scrupoli. E poi si dice che le californiane abbiano due tette cosi’ … 😀

Comments are closed.