La folle notte di Kuchenka Mikrofalowa

Glamour e passione

Cari amici, siamo arrivati alla fine del 2004 e tutti, chi a fatica, chi sorridendo, si sta preparando per festeggiare degnamente l’inizio del 2005.
Ed io, che non volevo trovarmi impreparato a questo grande evento, ho pensato di rivolgermi a chi di feste se ne intende.
Il primo pensiero è andato a lui, ma purtroppo era già impegnato ad organizzare una grande festa sugli Champs Elysees.

Ho chiamato quindi il mio glamouroso amico Mitzva e gli ho spiegato la questione.
“Non ti preoccupare Larvotto” mi ha risposto sicuro “ho io la persona che fa per te!”.
Il tempo di due telefonate, ed ecco che alla sera viene a trovarmi la sua PiErre di fiducia, la famosissima Kuchenka Mikrofalowa!
Mamma mia che emozione, apro la porta e mi trovo davanti questa donna, bellissima, con un discreto abito blu dai delicati ricami, mi sorride e mi dice “Lei è il signor Larvotto? Sono qui per farle la festa!”.
L’ho fatta accomodare “Prego, entri pure, è venuta in moto? Vuole darmi il casco?” le ho chiesto gentile.
Mi ha guardato seria “Non è un casco, sono i miei capelli trattati con il fixed ultragel, collante per capelli, quello usato anche per riparare le carene delle petroliere, non sto nemmeno a chiedele se lo conosce vero?…”
Che simpatica, mi ha fatto la battuta… il ghiaccio era rotto!

Il curriculum della nostra Kuchenka Mikrofalowa è davvero strepitoso. Chi non ha sentito parlare del party “The Tombollust”, una grande partita a tombola da giocare rigorosamente nudi.
Oppure la frizzante “Che Dio ce la mandi bòna”, una divertente serata sullo scambio di coppie.
E si potrebbe andare avanti per ore….

La prima cosa che ha fatto è stata quella di guardare nel mio armadio, ha iniziato a studiare tutti i miei vestiti, ha tolto quelli che ho comprato sulle bancarelle dei frati, mi ha vietato i capi benetton, ha sputato su quelli del grande magazzino e ha tenuto solo quelli firmati ed esclusivi….
Aveva in mano la mia T shirt di D&G nera, quella con il buco sotto all’ascella che mi hanno regalato 6 anni fa, e guardandomi stupita ha detto “ma questo è il tuo unico capo firmato?”.
Dopo averla bloccata mentre cercava di uscire, l’ho supplicata di restare e di aiutarmi ugualmente, le ho guirato che avrei collaborato ed avrei fatto tutto quello che voleva.

Dunque, feste con il dress code sono state scartate per mancanza di dress e anche di code.
Ha escluso un rave party, perché non ho i capelli per farmi la cresta trendy (ha detto che i peli che ho per il corpo non valgono).
Mi ha detto che le serate a giocare a carte non sono più in voga dal 1949.
Mi ha detto che la televisione, da quando non c’è più Pippo, va bene solo per far credere ai ladri che c’è qualcuno in casa.
Festa esclusiva e casalinga sfumata guardando la mia raccolta di cd, mi ha detto che credeva certi brani tipo “Caro berlusconi” di Malgioglio, vietati per legge.

Dopo estenuanti tentativi, la grande Mikrofalowa ha partorito, la festa giusta per il Larvotto era stata decisa!

Signore e Signori, il larvotto è quindi lieto di invitarvi alla meravigliosa “Notte a Cogliombero“!
Lo svolgimento è questo:
Ci si trova a Bologna, ognuno con una o più bottiglie di vino e qualcosa da mangiare.
Nella prima parte ci si dovrebbe eventualmente rifugiare a casa di Davide per carburare.
Poi il dogma della seratà sarà “nessun progetto!”. Unico vincolo, il brindisi in piazza allo scoccare della mezzanotte.
Per tutto il resto si andrà a simpatia del momento.
Qualcuno conosce qualcun altro che festeggia? Via che gli invadiamo la casa!
Troviamo una festa alla quale non siamo stati invitati? Via che ci intrufoliamo, siamo amici della sposa!
Ci va di stare sotto ai portici a lanciare caccole ai passanti?
Oppure fare delle roboanti gare di rutti?
Sfidare i ritorni di fiamma, dando fuoco alle scoregge?
Qualsiasi cosa va bene.

Stranamente a questo eccitante programma, per adesso, hanno aderito solo alcune persone… e dire che non è micca male eh?
Oltre a me, gli altri pazzi sono: Liquido, la Cippo, il Paolone, Rino e Davide, Luca B, Alex, Sandra.
Se poi la strada inizia a darci sconforto, siamo pronti a rifugiarci in un qualche locale…

Grazie Kuchenka Mikrofalowa, anche stavolta il tuo contributo è stato assolutamente indispensabile!
E ricordate “La gente è stracontenta, alla festa di Kuchenka!”